Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Dipendenza da Internet, il il 45% degli studenti passa sul Web almeno 6 ore al giorno

ROMA - La dipendenza da internet? Coinvolge sempre più giovani, soprattutto minorenni. È questa la conclusione a cui è arrivata una ricerca condotta da Skuola.net, Università di Roma 'Sapienzà e Università Cattolica di Milano per conto della Polizia di Stato. Sono stati intervistati 6.671 persone tra gli 11 e i 25 anni per fare una fotografia alle nuove generazioni e al rapporto con lo smartphone. L'indagine è stata svolta all'interno della 5 edizione di Una Vita da Social, la campagna educativa itinerante per il corretto uso di Internet della Polizia Postale e delle Comunicazioni, arrivata alla tappa conclusiva il 10 maggio a Roma.
[media=https://twitter.com/Reggiace/status/994168623274086401?ref_src=twsrc^tfw]

In media, circa la metà degli studenti - il 45% - passa su Internet almeno 5-6 ore al giorno, con la stessa intensità sia durante la settimana (quando dovrebbero essere più impegnati) che nel week-end. Con picchi ancora più alti tra chi ha meno di 19 anni. In base all'analisi, si stima che l'utente medio controlli tra le 10 e le 20 volte all'ora, in pratica fino a un check ogni 3 minuti, se gli sono arrivate - sullo smartphone o sul computer - nuove notifiche.
Inoltre, quando manca la connessione alla Rete, un intervistato su 5 dice di sentirsi a disagio. Ancora peggio quando il digital divide non dipende dall'assenza di segnale ma dall'esaurimento del traffico dati sul telefono: 1 su 3, quando finisce i gigabyte previsti dal proprio piano tariffario, entra nel panico dichiarando di attendere con trepidazione il momento in cui si rinnoverà l'offerta e riceverà di nuovo il 'pienò di giga; magari agganciandosi a qualche rete Wi-Fi gratuita intercettata qua e là. Ma c'è pure chi non ce la fa proprio ad aspettare: il 20% corre immediatamente ai ripari acquistando traffico supplementare.
Il sondaggio indaga poi su come sfruttano le infinite vie del web gli adolescenti e i ragazzi un po' più cresciuti: l'11% interroga soprattutto i motori di ricerca per approfondire dubbi e interessi. Il 10% si dedica ai giochi online o alle app per lo svago. Ma la parte del leone la fanno i social network: il 42% usa Internet prevalentemente per entrare sul proprio profilo social.
Oltre 6 giovani su 10, poi, pubblicano almeno un autoscatto a settimana sui vari social network. Nel 14% dei casi si sale fino ad uno al giorno. Nel 13% persino più volte nell'arco delle 24 ore. Lo strumento preferito per fare è lo smartphone (con il 60% di consensi), seguito a lunga distanza dalla webcam (14%). Per condividere, però, bisogna essere sicuri che tutto sia perfetto; per questo la metà del campione, prima di postare un selfie ne scatta almeno quattro. Mentre 1 su 3, se vede che non riceve abbastanza like, è molto propenso a cancellarlo.
Una ricerca del consenso virtuale che, a volte, spinge a esagerare. Per stupire, qualcuno, mette addirittura a repentaglio la propria vita. È il cosiddetto fenomeno del 'Daredevil selfie', ovvero gli autoscatti in situazioni pericolose: il 35% dichiara di averci di provato almeno una volta, prevalentemente alla guida del motorino o della macchina. Una foto che, poi, è stata condivisa sui social nel 53% dei casi. Un fenomeno che colpisce soprattutto gli studenti maschi, sia quelli con scarso rendimento scolastico sia quello con ottimo profitto.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Сентябрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930