Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Dark web, scoperto traffico internazionale di carte di credito da 530 milioni di dollari

Dark web, scoperto traffico internazionale di carte di credito da 530 milioni di dollari

Dark web, scoperto traffico internazionale di carte di credito e codici bancari: l'organizzazione criminale aveva accumulato oltre 530 milioni di dollari. Si chiama "Infraud" la maxi operazione condotta dalla polizia italiana e dalla Homeland Security Investigation (Usa) in 16 Paesi. Arrestate 13 persone, tra le quali un italiano della provincia di Napoli.
Destinatario di un mandato di cattura internazionale, l'uomo residente in Campania è stato arrestato ieri dagli uomini della Sezione financial cybercrime del Servizio di polizia postale e del compartimento regionale in collaborazione con l´HSI. E' accusato di per aver preso parte attivamente all´organizzazione criminale sin dal 2010 con il nickname "Dannylogort". Il presunto capo dell´organizzazione, un cittadino ucraino, era già stato arrestato la scorsa settimana in Thailandia.
Traffico internazionale di carte di credito, arresti in 16 paesi
Dark web, scoperto traffico internazionale di carte di credito da 530 milioni di dollari

Condividi
I criminali acquisivano codici bancari attraverso tecniche di hacking. L'organizzazione gestiva la compravendita di migliaia di carte di credito rubate e clonate, di codici di verifica (CVV) per carte on line, di codici di accesso a servizi di home-banking e più in generale di dati personali e riservati appartenenti a migliaia di vittime in tutto il mondo.
Confidando sull'anonimato offerto dal dark web, l´associazione ha cercato di contrastare il lavoro delle forze dell´ordine attraverso l´utilizzo di "Liberty Reserve", nota piattaforma di scambio di cryptomonete virtuali in passato utilizzata da malviventi di tutto il mondo per attività illecite. La piattaforma fu chiusa nel 2013 dagli Stati Uniti dopo un´indagine che si concluse con la condanna del fondatore Arthur Budovsky a 20 anni di reclusione per riciclaggio internazionale.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Август 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031