Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Facebook sperimenta il 'Non mi piace'. "Ci aiuter? a individuare i commenti sgraditi"

DAVVERO Facebook introdurrà il tasto Non mi piace? Sì e no. Ma più no che sì. Nel senso che il social network ha confermato di aver avviato una sperimentazione per un comando battezzato come “Downvote”. Ma non si tratterà esattamente di ciò che aspettiamo da anni, cioè un “Dislike” vero e proprio (come quello introdotto nelle conversazioni della chat Messenger). Nello specifico, infatti, si applicherà solo ai commenti. E l’obiettivo sembrerebbe rientrare nella più complessiva strategia contro l’hate speech, cioè i discorsi d’odio, le molestie, i troll e gli abusi sulla piattaforma: dovrebbe infatti servire a etichettare i commenti offensivi o fuori luogo, consentendo così alla piattaforma e agli amministratori delle pagine di renderli meno evidenti nella discussione sotto a un post. Un modo per non eliminarli di netto ma per penalizzarli in profondità.
LEGGI Facebook: puoi zittire un amico per un mese
Insomma l’iniziativa servirebbe a ridurre la visibilità degli interventi offensivi degli utenti. Anche se, ovviamente, la questione rimane scivolosa, nel senso che attribuirebbe agli utenti e ai segretissimi algoritmi di Menlo park una capacità di intervento più sfumata e per certi versi più subdola della classica eliminazione definitiva decisa dall’amministratore di una pagina. In ogni caso, l’obiettivo sembrerebbe quello di favorire le famose “interazioni significative” fra le persone, cruccio costante del fondatore Mark Zuckerberg, da tempo alla ricerca di una strada per bonificare la sua creatura.
Facebook sperimenta il 'Non mi piace'. "Ci aiuter? a individuare i commenti sgraditi"

Condividi
Al momento non sembra però del tutto chiaro il funzionamento del “Downvote”, che appare disponibile per tutti gli utenti che visitino una certa pagina. In fase di sperimentazione su un ristretto numero di pagine pubbliche negli Stati Uniti, è evidente che non si tratti di un “Dislike” strettamente inteso. Anche se la strada – per esempio dopo l’introduzione delle faccine Reactions nel 2016 – appare sempre più tracciata in quella direzione. “Non stiamo testando il Non mi piace – ha smentito seccamente un portavoce al sito TechCrunch – stiamo al contrario esplorando una funzionalità che dia alle persone e a noi i feedback sui commenti sui post delle pagine pubbliche”.
Dunque i “Downvote” degli utenti in stile Reddit funzionerebbero più o meno da equivalente di ciò che sono le segnalazioni per i post. Solo che in questo caso si parlerebbe appunto dei commenti singoli: gli algoritmi di Facebook avrebbero poi il compito di declassare, eliminare o togliere quegli interventi dalle posizioni di maggiore evidenza in calce a un contenuto. Chissà che non si tratti di un antipasto da espandere anche a quei medesimi contenuti.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Август 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031