Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Mihajlovic: "A Firenze la peggiore, non siamo il Real ma la Samp possiamo batterla"

Mihajlovic: "A Firenze la peggiore, non siamo il Real ma la Samp possiamo batterla"
(ansa)
BOLOGNA - Mihajlovic-Giampaolo è una sfida che guarda al passato ma che forse anticipa anche il futuro del Bologna, atteso sabato pomeriggio al Dall'Ara contro la Sampdoria. Fu Giampolo, dieci anni fa, a provocare il primo esonero nella carriera del collega (Bologna-Siena 1-4, poi arrivò Papadopulo che salvò tutti). Ed è sempre Giampaolo, qualora Sinisa salvi i rossoblù e decida di non rimanere, uno dei nomi più accreditati a rilevarne la panchina.
Due anime incandescenti e schiette nel protocollato pallone di oggi: "Giocheremo entrambi per vincere", assicura Sinisa senza badare al precedente infausto di un decennio fa. Anche perché, nel frattempo, i due hanno fatto amicizia: "Sono andato a vedere molti suoi allenamenti a Genova", spiega Mihajlovic, che della Sampdoria è stato anche allenatore dal 2013 al 2015, "un debito che avevo sin dai tempi in cui giocavo: mi comprarono in un momento di difficoltà della mia carriera e quando hanno avuto bisogno loro ho detto subito sì".
Il Bologna che scende in campo sabato alle 15 non avrà Dijks e Santander (squalificati); Destro è ancora a mezzo servizio ("non ha novanta minuti nelle gambe"); ma nelle ultime sei partite i rossoblù hanno fatto persino meglio della Juventus. Per questo Mihajlovic se l'è presa con chi ha criticato il pareggio di Firenze di domenica scorsa: "Non c'era bisogno di un ingegnere nucleare per capire che abbiamo offeso poco - attacca il tecnico serbo -. Ho visto i dati: l'indice di pericolosità dice che è stata la peggior partita da quando sono qui. Ma ad ascoltare certi giudizi sembra che abbiamo fatto una partita di merda (sic). Forse qualcuno pensa che siamo diventati il Real Madrid e che a Firenze bisognava andare per forza a vincere. Voi giornalisti vi abituate sempre troppo bene".
Ma è lo stesso Mihajlovic, poi, a chiedere un'altra vittoria: "Giochiamo in casa, forse davanti a uno stadio pieno: se sappiamo fare le cose che facciamo di solito, abbiamo tutte le possibilità di vincere anche questa. E sarebbe molto importante, perché coinvolgeremmo nella lotta salvezza squadre che forse avevano staccato un po' la spina: riattaccarla, come si sa, non è mai facile".
Nessun affondo, invece, sull'eliminazione della Juventus dopo le critiche sul turn-over di Allegri: "L'Ajax è forte, hanno giocato con la testa libera: vorrei che anche i miei facessero così. Se ti diverti, è più facile vincere. Le preoccupazioni non aiutano mai a giocare bene".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Февраль 2020    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829