Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Genoa-Milan anticipata alle 15 di luned?: la protesta dei tifosi

Genoa-Milan anticipata alle 15 di luned?: la protesta dei tifosi
Lo stadio Marassi
L'aveva detto il ministro Matteo Salvini lunedì scorso, nel maxi-vertice sulla sicurezza alla scuola superiore di polizia di Roma: "Certe partite come Genoa-Milan è meglio giocarle di pomeriggio e non di sera per gestire meglio l'ordine pubblico". Fra i tifosi delle due squadre c'è fortissima rivalità, ormai antica: tutto è nato dopo la morte di Vincenzo Claudio Spagnolo detto "Spagna" il 26 gennaio 1995, il tifoso genoano che fu pugnalato al cuore da un tifoso rossonero poche ore prima dell'inizio della partita. Da allora, queste gare sono sempre state ad alto rischio, anche se le trasferte non sono state chiuse. Negli ultimi due anni questa sfida si è giocata in orario serale.
La gara Genoa-Milan era stata programmata per lunedì 21 gennaio alle ore 21, in quanto il Milan era reduce dalla trasferta in Arabia (16 gennaio, Supercoppa con la Juve). Ora l'Osservatorio ha recepito l'osservazione di Salvini e ha "imposto" alla Lega di serie A lo spostamento della gara alla 15 per motivi di ordine pubblico (la partita delle 20:30 del lunedì diventa Juve-Chievo, inizialmente prevista per le 19). La decisione è stata ufficializzata dalla Lega nel tardo pomeriggio. A Genova dopo il crollo del ponte Morandi c'è una direttiva che vieta di organizzare gare nei giorni feriali, nel pomeriggio: servirà una deroga del prefetto. Le 15 sono orario abbastanza insolito in un giorno lavorativo, anche se non mancano precedenti fra cui un derby di Roma: un orario che penalizza gli ascolti tv, ma anche tantissimi tifosi che sono impegnati al lavoro, o a scuola, e non possono andare allo stadio. Intere famiglie sono tagliate fuori, i tifosi "buoni" staranno a casa. "Sembra davvero un favore agli ultrà", scrivono molti tifosi infuriati sui social. Già, gli ultrà di Salvini. La protesta sta crescendo su Twitter e sui siti, e c'è chi minaccia di non fare più l'abbonamento e di non mettere piede a Marassi. Qualcuno ha ricordato che certi incidenti, anche gravi, sono successi di pomeriggio.
"Vincenzo Spagnolo fu assassinato di pomeriggio...", spiega il genovese doc Luca Bizzarri. Protesta anche il giornalista tv Pierluigi Pardo: "Che delusione". Ma quello che è accaduto vicino a San Siro, col tifoso dell'Inter ucciso, ha innescato un giro di vite che di sicuro non finirà qui. Il 20 gennaio alle 20,30 ad esempio c'è Napoli-Lazio, programmata per ora in orario serale. Sarà spostata al pomeriggio? Probabile. Ma quello almeno è un giorno festivo, il problema è il lunedì a Genova dove lo stadio Marassi è in piena città. A rischio anche Milan-Napoli del 26 gennaio alle 20,30 con i giocatori del Napoli che hanno minacciato di andarsene in caso di cori razzisti. L'Osservatorio del Viminale, presieduto dalla dottoressa Daniela Stradiotto, in questi anni aveva cercato di aprire le trasferte il più possibile, di giocare di sera (compreso il derby di Roma), di riportare le famiglie negli stadi: ora si torna indietro. L'importante è avere le idee chiare, non sembra che lunedì sia successo in quel mega-vertice.
Legea è il nuovo sponsor dell'associazione arbitri

Figc e Legea hanno raggiunto l'accordo per la sponsorizzazione tecnica e la fornitura ufficiale dell'abbigliamento sportivo dell'Associazione Italiana Arbitri (Aia) a partire dalla stagione sportiva 2019/2020 e con una durata triennale. Legea, brand storico italiano di abbigliamento sportivo, grifferà i kit gara, lo sportswear di allenamento e di rappresentanza e anche le calzature con una collezione innovativa e dedicata all'Aia. Alla base della partnership c'è la volontà comune di garantire prodotti di qualità con prezzi accessibili e dalla facile reperibilità sul mercato grazie alla capillare rete distributiva di Legea, favorendo l'uniformità dell'abbigliamento della classe arbitrale Figc, dalla Serie A alle Sezioni locali. "Siamo molto soddisfatti -commenta il Presidente della Figc Gabriele Gravina- che Legea abbia scelto di investire sull'Associazione Italiana Arbitri, una delle eccellenze del calcio italiano. Siamo sicuri che tutto il sistema trarrà benefici da questa partnership, dal vertice alla base". "Per Legea è una grande opportunità quella di sponsorizzare gli arbitri italiani -dichiara il Presidente del'Aia, Marcello Nicchi- messa a disposizione dalla Federazione, che ha intrapreso nuove formule di partnership, con risorse da destinare al mondo arbitrale. Noi ci aspettiamo molto ma siamo convinti che verremo ripagati delle aspettative''.
Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un'altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.
Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Январь 2019    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031