Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Prima snobbata, ora fondamentale. La coppa Italia che pu? salvare la stagione

MILANO - Benvenuta Coppa Italia, possibile fonte di incertezza: visto che l'obiettivo di contendere l'8 scudetto consecutivo alla Juventus sembra sfumato già a inizio gennaio, alle concorrenti resta l'ambizione di fermare la striscia dei successi bianconeri nella coppa nazionale arrivata a quattro edizioni di fila. Così la competizione, che entra nel vivo con gli ottavi di finale al via sabato con Lazio-Novara, può diventare il vero terreno di sfida ancora aperto di questa seconda metà di stagione. Un elemento di spinta in più per una coppa che negli ultimi anni ha continuato a guadagnare pubblico in televisione, con ascolti ai primi posti delle classifiche delle partite in chiaro, e negli stadi fino all'ormai costante "tutto esaurito" dell'Olimpico in finale.
UN AIUTO ALLE PIU' DEBOLI - Le consuete osservazioni critiche sugli ottavi in notturna al gelo a gennaio cedono il posto all'aspettativa per otto partite che rappresentano il primo atto di un trofeo incerto fino alla finalissima di maggio a Roma. Aiutano anche gli accoppiamenti: solo una sfida a eliminazione diretta si giocherà dopo cena al nord. Si tratta di Bologna-Juventus sabato al Dall'Ara alle 20.45. Sampdoria-Milan è in programma alle 18 di sabato, Torino-Fiorentina alle 15 di domenica e Inter-Benevento alle 18 della stessa giornata. Per il resto si andrà in campo a Roma (Lazio con il Novara e giallorossi con l'Entella), Napoli e Cagliari con i padroni di casa opposti rispettivamente a Sassuolo e Atalanta. Gli accoppiamenti permettono di vedere i primi effetti della novità nella formula di questa edizione: il sorteggio su chi deve giocare in casa nelle sfide tra le prime otto classificate dell'ultimo campionato di Serie A e le altre rappresentanti della massima divisione: ecco perché la Juventus va a Bologna, il Milan a Genova e l'Atalanta a Cagliari. In precedenza invece ospitava sempre la "grande". Per gli incontri tra le prime otto invece vale sempre il sorteggio di inizio stagione con numero di testa di serie.
FASCINO DA FA CUP - E contribuisce a portare un'aria che rimanda al fascino della Coppa d'Inghilterra la presenza di due squadre di Serie C: Entella e Novara, entrambe in scena all'Olimpico tra sabato e lunedì. Per i piemontesi è la seconda volta nel giro di nove anni: era successo anche nel 2010 a San Siro con il Milan. Per gli appassionati "neutrali" è la possibile scintilla di una favola, della quale parlerebbe tutto il mondo, come successo con l'Alessandria in semifinale con il Milan nella stagione 2015-16. In questo caso non è ancora prevista la possibilità di giocare in casa della "piccola", come succede Oltremanica. Ma già vedere due formazioni, partite da agosto, in campo con le grandi di Serie A è uno spot romantico per la Coppa Italia, unico trofeo ancora aperto di fronte allo strapotere della Juventus.
Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un'altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.
Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«     2019    »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031