Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Rugby, Sei Nazioni; O'Shea convoca 31 azzurri: ''Serve un passo avanti"

ROMA - David Sisi è la novità tra i convocati dal ct Conor O'Shea in vista del Sei Nazioni: il gigante inglese delle Zebre vanta nonni italiani (dell'Abetone, di Sora) e potrà vestire la maglia della Nazionale come altri atleti azzurri nati e/o cresciuti all'estero ma indispensabili a un movimento ovale che non riesce proprio a fare da sé. Un metro e 93 centimetri per 117 chili, alcune presenze con l'Inghilterra U20 e poi molti infortuni, Sisi compirà 26 anni a febbraio. Con lui ci sarà Sergio Parisse e questa volta il capitano scenderà in campo, dopo l'assenza per infortunio nei test-match di novembre. I ritorni di Maxime Mbandà e Angelo Esposito completano il quadro di una squadra che esordirà il 2 febbraio a Edimburgo con la Scozia alle 14.15 italiane (diretta su DMax). Il calendario poi prevede 3 incontri all'Olimpico: col Galles il 9 febbraio, con l'Irlanda due settimane dopo, con la Francia il 16 marzo per l'ultimo appuntamento del torneo. Il 9 dello stesso mese l'Italia giocherà a Twickenham con l'Inghilterra.

Dei 31 uomini della rosa, 18 appartengono al Benetton Treviso, club veneto che ultimamente sembra di un'altra categoria rispetto alla franchigia della Federazione, le Zebre, in cerca da anni di un'identità nonostante l'allenatore sia un connazionale (Michael Bradley) scelto dallo stesso O'Shea.
O'Shea: "Lavoriamo duro" - "Come sempre abbiamo dovuto fare delle scelte difficili nelle convocazioni ma non vediamo l'ora di riunirci e continuare il lavoro non solo per essere competitivi ma anche vincenti al più alto livello del gioco". Così ha commentato il ct irlandese. "Probabilmente il Sei Nazioni non ha mai visto così tante squadre così competitive come quello di quest'anno. Conosciamo la sfida che ci attende, dobbiamo essere più competitivi e lavorare ancora più duramente per fare in modo che i momenti chiave di queste partite vadano sulla strada che vogliamo".


"Azzurri, serve un passo avanti" -
L'Italrugby ha deluso le attese di chi sperava in una svolta con l'arrivo di O'Shea. Gli azzurri sono al 14° posto del ranking mondiale, hanno vinto solo 3 degli ultimi 23 incontri. "Abbiamo giocato e battuto squadre come Fiji, Giappone e Georgia in un anno e mezzo, ma non siamo riusciti a ottenere vittorie contro le squadre di vertice, che saranno davvero utili a far comprendere appieno il percorso che stiamo compiendo nel rugby italiano e a dare maggior fiducia all'ambiente per muovere un nuovo passo avanti. Stiamo lavorando e continueremo a farlo e a giocare con l'ambizione di raggiungere tutti gli obiettivi che ci siamo prefissati per il rugby italiano".
La rinuncia a Polledri, riecco Barbini - Mancherà il giocatore che ha più impressionato nell'ultima stagione, Jake Polledri. E insieme a lui, l'estremo Matteo Minozzi. Le alternative sono purtroppo rare: anche l'assenza dell'ala Mattia Bellini, del flanker Renato Giammarioli e del mediano di mischia Marcello Violi si faranno sentire. Da segnalare anche il ritorno in mischia della terza linea Marco Barbini: gioca nel Treviso, ha 2 presenze in carriera, è in gran forma ma dicevano fosse tagliato fuori dalla Nazionale perché il fratello è il sindacalista dei giocatori, poco amato in Federazione. In vista del torneo, i 31 azzurri si ritroveranno per il raduno di preparazione al centro "Giulio Onesti" di Roma dal 20 al 23 gennaio.
Gli azzurri convocati

Piloni: Simone FERRARI (Benetton Rugby, 17 caps), Andrea LOVOTTI (Zebre Rugby Club, 30), Tiziano PASQUALI (Benetton Rugby, 13), Cherif TRAORE' (Benetton Rugby, 5), Giosuè ZILOCCHI (Zebre Rugby Club, 2 ); tallonatori: Luca BIGI (Benetton Rugby, 15), Leonardo GHIRALDINI (Stade Toulousian, 99); seconde linee: Dean BUDD (Benetton Rugby, 16), Federico RUZZA (Benetton Rugby, 7), David SISI (Zebre Rugby Club, esordiente), Alessandro ZANNI (Benetton Rugby, 109); flanker/n.8: Marco BARBINI (Benetton Rugby, 2), Maxime MBANDA' (Zebre Rugby Club, 15), Sebastian NEGRI (Benetton Rugby, 12), Sergio PARISSE (Stade Francais, 134), Abraham Jurgens STEYN (Benetton Rugby, 25), Jimmy TUIVAITI (Zebre Rugby Club, 1); mediani di mischia: Guglielmo PALAZZANI (Zebre Rugby Club, 28), Tito TEBALDI (Benetton Rugby, 29); mediani di apertura: Tommaso ALLAN (Benetton Rugby, 43); Carlo CANNA (Zebre Rugby Club, 32), Ian MCKINLEY (Benetton Rugby, 4); centri: Giulio BISEGNI (Zebre Rugby Club, 11), Michele CAMPAGNARO (Wasps, 38), Tommaso CASTELLO (Zebre Rugby Club, 15), Luca MORISI (Benetton Rugby, 20), ali/estremi: Tommaso BENVENUTI (Benetton Rugby, 55), Angelo ESPOSITO (Benetton Rugby, 15), Jayden HAYWARD (Benetton Rugby, 12), Edoardo PADOVANI (Zebre Rugby Club, 15 ), Luca SPERANDIO (Benetton Rugby, 5).

Infortunati: Mattia BELLINI (Zebre Rugby Club), Ornel GEGA (Benetton Rugby), Renato GIAMMARIOLI (Zebre Rugby Club), Matteo MINOZZI (Zebre Rugby Club), Jake POLLEDRI (Gloucester) Marcello VIOLI (Zebre Rugby Club), Federico ZANI (Benetton Rugby)
Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un'altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.
Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Март 2019    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031