Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Spal-Cagliari 2-2: Pavoletti e Ionita firmano la rimonta rossoblu

FERRARA – Sotto 2-0 al 71’, il Cagliari rimonta due reti alla Spal e si regala una sosta molto più serena. La formazione sarda resta maledetta per gli estensi che, per la sesta volta consecutiva, non riescono a piegarla in casa e mancano l’occasione di rialzare la testa dopo le batoste con Frosinone e Lazio. Al di là del rocambolesco andamento del match va detto che il pari alla fine rispecchia quanto fatto vedere dalle due squadre in campo. E’ stato bravo il Cagliari a credere fino in fondo nel pareggio senza demoralizzarsi dopo il raddoppio di Antenucci mentre la Spal può recriminare per aver perso per infortunio prima Felipe e poi Vicari: due perdite che, inevitabilmente, hanno fatto saltare i meccanismi difensivi.
SEMPLICI RINUNCIA A MILINKOVIC-SAVIC – Ancora privo di Valoti e con Everton Luiz squalificato, Semplici si è consolato con i rientri di Schiattarella e Fares e ha restituito una maglia da titolare in difesa a Cionek. Infine in porta, a sorpresa, ha rimesso Gomis, preferendolo a Milinkovic-Savic, apparso non irreprensibile contro la Lazio. Sul fronte opposto, invece, Maran ha cambiato un solo elemento nella squadra sconfitta allo Stadium dalla Juve: fuori Pisacane dentro, al centro della difesa, Romagna.
E’ SUBITO PETAGNA – Pronti, via e la Spal è passata (3’): Antenucci ha lanciato in area sulla destra Lazzari che ha subito centrato per Petagna, bravo ad andare in tuffo di testa; sulla traiettoria verso la porta la palla ha sbattuto su Srna che, involontariamente, ha anticipato l’intervento coi pugni di Cragno e l’ha deviata in rete con la schiena. La gara si è vivacizzata e anche innervosita (4 gialli in 45’). La Spal è andata vicina al raddoppio con lo stesso Petagna, che da pochi passi non è riuscito a sorprendere Cragno dopo una corta respinta di Ceppitelli, il Cagliari ha sfiorato il pari soprattutto con un colpo di testa di poco a lato di Romagna su calcio d’angolo.
ANTENUCCI ILLUDE LA SPAL, PAVOLETTI RIAPRE LA PARTITA – Nella ripresa il Cagliari ha serrato, logicamente, i tempi ed è andato ancora vicino al bersaglio con un colpo di testa di Joao Pedro. Mentre Semplici da un lato si vedeva costretto a buttare forzatamente nella mischia Simic e Bonifazi dopo aver già rimpiazzato Valdifiori con Kurtic, Maran dalla parte opposta ha deciso di inserire Sau al posto di Bradaric, arretrando Castro in mediana. Non c’è stato tempo, però, per vedere gli effetti della mossa perché la Spal ha immediatamente raddoppiato (71’): Lazzari dalla destra ha centrato per Antenucci, bravo a eludere la marcatura di Srna con una giravolta e a battere Cragno con un forte sinistro sotto la traversa.
IONITA FISSA IL PUNTEGGIO SUL 2-2 – Gara finita? Macché: palla al centro e il Cagliari si è rifatto sotto (73′) con un imperioso stacco di testa di Pavoletti su angolo dalla destra di Srna. Sulle ali dell’entusiasmo i rossoblu hanno insistito e, dopo appena 3’, hanno trovato il gol del definitivo 2-2: Padoin se ne è andato via in area sulla sinistra e ha centrato per Ionita, bravo a saltare in dribbing Cionek e a freddare Gomis con un forte rasoterra. La Spal ha provato a reagire con rabbia ma non è andata oltre un sinistro sbilenco di Lazzari e un colpo volante di coscia di Kurtic su cross di Fares. E allora anche alla squadra di Semplici non resta che accontentarsi di un punto che serve comunque a smuovere la classifica.
SPAL-CAGLIARI 2-2 (1-0)

Spal (3-5-2): Gomis; Cionek, Vicari (24′ st Bonifazi), Felipe (14′ st Simic); Lazzari, Schiattarella, Valdifiori (9′ st Kurtic), Missiroli, Fares; Petagna, Antenucci. In panchina: Thiam, Milinkovic-Savic, Djourou, Dickmann, Costa, Vitale, Viviani, Paloschi, Floccari. Allenatore: Semplici.

Cagliari (4-3-1-2): Cragno; Srna, Romagna, Ceppitelli, Padoin; Ionita, Bradaric (21′ st Sau), Barella; Castro (47′ st Dessena); Joao Pedro (43′ st Farago’), Pavoletti. In panchina: Rafael, Aresti, Andreolli, Pisacane, Pajac, Cigarini, Cerri. Allenatore: Maran.

Arbitro: Doveri di Roma 6.5.

Reti: 3′ pt Petagna, 26′ st Antenucci, 28′ st Pavoletti, 31′ st Ionita.

Ammoniti: Valdifiori, Felipe; Barella, Castro, Sau, Ionita.

Angoli: 1-6.

Recupero: 1′; 5′.
Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un'altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.
Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Ноябрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930