Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Venezia, ecco Zenga: "Voglio una squadre feroce che lotta"

VENEZIA -
"Il presidente Tacopina vuole vedere una squadra che lotta, che ha un'anima, feroce. E' la stessa cosa che pretendo io, il feeling è stato immediato". Si presenta così l'allenatore del Venezia, Walter Zenga, presentato questa mattina presso lo Store ufficiale del club arancioneroverde.
"DOBBIAMO AVERE FEROCIA" - 58 anni ben portati, ultima sfortunata esperienza in panchina a Crotone in Serie A culminata con la retrocessione dei calabresi, l'ex idolo della Milano nerazzurra ha spiegato il perché della scelta lagunare: "Mi hanno chiesto se sono contento, certo che sono contento di allenare un club ambizioso e blasonato, emblema di una città conosciuta in tutto il mondo. Ora dovrò capire a fondo la squadra, ho cambiato programma di allenamento perché voglio parlare con tutti, voglio vedere se hanno ancora la ferocia per perseguire l'obiettivo della società. Ma un passo alla volta perché per me Venezia-Verona di domenica prossima è la prima di campionato". Nel presentarlo, il numero uno del Venezia Joe Tacopina aveva sottolineato che alla squadra serviva uno choc: "Dopo tre anni incredibili e vittoriosi, abbiamo iniziato male la stagione e serviva una scossa" ha spiegato il massimo dirigente italo-americano. "Walter è la persona giusta per ricominciare. Mi ha colpito come ha parlato ai giocatori e in che modo ha affrontato il suo primo allenamento".
"ESIGO GENTE CHE VUOLE ALLENARSI" - Per Zenga, che ha firmato un contratto fino al 2020 e come secondo avrà Benito Carbone, nessun problema a ripartire dalla B: "Prendo esempio da un tecnico amico e che stimo come Giampaolo che non ha avuto alcuna remora a ripartire dalla Serie C. Il Venezia l'ho seguito a lungo lo scorso anno quando c'era Inzaghi. Mi ricordo che i difensori di quel Venezia sembravano dire-venite, venite, tanto non ci fate gol. Ecco voglio rivedere quell'anima, parlerò con tutti, con Pinato, con Falzerano, con Domizzi... voglio che sappiano cosa voglio. Pretendo che vogliano allenarsi, no che debbano allenarsi. Chi non avrà questa mentalità resterà fuori. Perché il risultato forse è frutto del caso, ma la prestazione è figlia del lavoro, della mentalità, della cattiveria. La retrocessione del Crotone lo scorso anno mi ha distrutto, ma i tifosi hanno capito che avevamo dato tutto e anche di più. Se il Venezia vuol risorgere lo faremo insieme".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Декабрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31