Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Karate, Premier League: 8 medaglie per l'Italia a Berlino

ROMA - Un'Italia da sogno domina l'ultima giornata della sesta tappa di Karate Premier League e conquista tre ori, un argento e un bronzo. Sul tatami di Berlino gli azzurri sono stati inarrestabili e hanno vinto sette delle otto finali a cui hanno partecipato. Soddisfazioni particolari sono arrivate dal kumite, il combattimento uno contro uno, che ha regalato cinque podi agli italiani, ma i nostri atleti sono andati molto bene anche nel kata, la lotta simulata, in cui sia la squadra maschile, sia quella femminile hanno vinto una medaglia. La grande prova degli azzurri assume ancora più valore se si considera che questa tappa ha visto una partecipazione senza precedenti: l'appuntamento di Berlino è stato il primo evento di Premier League ad assegnare punti per la qualificazione a Tokyo 2020, quando il karate debutterà alle Olimpiadi.
Karate, Premier League: 8 medaglie per l'Italia a Berlino

Clio Ferracuti
Condividi
La giornata di competizioni si è aperta alla grande con Viviana Bottaro, salita per prima sul tatami, che ha vinto per 5-0 la finale 3° posto del kata femminile. Con un kata Papuren eseguito in maniera impeccabile, l'italiana ha sconfitto la giapponese Mirisa Ohuchi, campionessa juniores asiatica in carica. Dalla stessa specialità è arrivato un altro successo con la squadra maschile composta da Giuseppe Panagia, Gianluca Gallo, Alessandro Iodice che ha battuto 5-0 la Russia con un kata Gankaku. A completare l'en plein mattutino di podi sono state le due atlete impegnate nel kumite. Sara Cardin ha superato, dopo giudizio arbitrale, la spagnola Carlotta Fernandez Osorio nella categoria -55kg conquistando la terza medaglia in questa Premier League. Con tre yuko a segno, le tecniche di braccio, Silvia Semeraro ha sconfitto la slovacca Kopunova Miroslava nella -60kg.
Lo show azzurro è continuato nel pomeriggio che vedeva gli italiani impegnati in altrettante finali. Il primo oro è arrivato da Angelo Crescenzo, nella categoria -60kg del kumite, che ha battuto per 5-4 il giapponese Yugo Kozaki. Un incontro sempre in bilico, con continui ribaltamenti di punteggio, che è valso a Crescenzo il primo successo assoluto in Premier League. A seguire, sempre dal kumite, un altro oro con Luca Maresca che ha battuto per senshu (il vantaggio acquisito da chi segna il primo punto) il brasiliano Vinicius Figueira nella -67kg. Da questa specialità è arrivata anche l'unica sconfitta della giornata, quella subita da Clio Ferracuti per mano della giapponese Ayumi Uekusa nella +68kg. Ma è stata comunque una grande tappa per l'italiana, chiusa con un bell'argento e importanti punti per il ranking olimpico.
La giornata si è poi chiusa come si era aperta: con una grande soddisfazione del kata. La squadra femminile, iscritta in rappresentanza delle Fiamme Oro e composta da Sara Battaglia, Michela Pezzetti, Carola Casale, ha vinto l'oro sconfiggendo per 5-0 la Russia con un kata Heiku. Vista la loro qualità, non può che aumentare il dispiacere per l'esclusione della competizione a squadre da Tokyo 2020.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Сентябрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930