Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Genoa-Bologna 1-0, Piatek ancora decisivo

GENOVA - Funziona la tattica Ballardini, al Genoa basta un golletto per vincere. Del resto quando si ha un giocatore come Krzysztof Piatek, che la porta la vede grande, il segreto è non prendere gol, anche a costo di far storcere la bocca agli amanti del calcio spettacolo. Con quella segnata al Bologna sono quattro le reti del "pistolero" in tre partite di campionato alle quali vanno aggiunte le quattro al Lecce in Coppa Italia. Otto gol in quattro partite ufficiali e ci sta allora che il Barcellona mandi i suoi osservatori a capire quale può essere la dimensione del centravanti che Preziosi quest'estate ha acquistato dal KS Cracovia per 4 milioni.
La partita con la quale celebra i suoi 125 anni ("invecchia solo chi smette di sognare / tanti auguri Grifone") il Genoa la festeggi con una vittoria che costruisce nella ripresa dopo un primo tempo di rara bruttezza da parte di entrambe le squadre. Il pallino del gioco inizialmente è del Bologna e ci sono dubbi per un contatto in area del Genoa. Spolli e Okwonkwo si toccano in corsa, per Banti è tutto regolare: spalla contro spalla. Inutili le proteste dei giocatori bolognesi e di Inzaghi. Bessa trequartista dura meno di un quarto d'ora, Ballardini lo arretra infatti presto sulla linea dei centrocampisti, togliendolo da una posizione dove di fatto andava solo a disturbare Pandev. Ma nemmeno col 3-5-1-1 il gioco del Genoa decolla. La partita sorprendentemente la fa il Bologna che in campionato non ha ancora segnato nemmeno un gol. Il primo tempo si sarebbe potuto concludere in maniera diversa se, sul cross rasoterra di Okwonko, Dzemaili non avesse peccato di altruismo, rinunciando a tirare per un "velo" che però Poli non si aspettava. L'unica vera occasione la squadra di Ballardini se la procura al 42', in contropiede. Ma Piatek nella sua fuga solitaria verso la porta di Skorupski, iniziata prima della linea di centrocampo, si allarga troppo. Ha così un angolo di tiro limitato ed il portiere del Bologna si può salvare in bagher.
Genoa-Bologna 1-0, Piatek ancora decisivo

Il gol di Piatek
Condividi
Stesso copione anche in avvio di ripresa, così Ballardini intorno al quarto d'ora decide di ridisegnare il Genoa. L'ingresso di Lazovic sulla fascia destra gli permette di portare Romulo nel vivo dell'azione (fuori Hiljemark), quello di Kouamè al posto dell'esausto Pandev di avere più freschezza in avanti. Il gol, che arriva al 24', premia le mosse del tecnico genoano e non poteva che portare la firma di Piatek. La conclusione dal limite dell'area è chirurgica, fuori dalla portata del connazionale Skorupski, ma i difensori del Bologna gli danno colpevolmente il tempo di fermare la palla e prendere la mira. Ora tocca a Inzaghi provare a cambiare, dal 3-5-2 iniziale passa addirittura al 4-2-3-1. Inserisce Orsolini e Santander, ma con risultati poco apprezzabili. Al 73' Orsolini da posizione defilata (è stato un errore mettere un solo uomo in barriera) cerca direttamente la porta e Marchetti respinge con un balzo prodigioso. E sempre Orsolini (78'), spreca sparando in gradinata una palla vagante che rimbalza pericolosamente nell'area di rigore del Genoa. All'89' Lazovic potrebbe chiudere la partita ma, dopo aver seminato in slalom quattro avversari, calcia fuori. Proprio al 90 si infortuna il guardalinee Vivenza, deve lasciare la bandierina al quarto uomo Baroni, si va avanti sino al 98' senza niente da segnalare a parte un parapiglia generale che porta all'espulsione di Pulgar e all'ammonizione dei due portieri Marchetti e Skorupski.
Genoa-Bologna 1-0 (0-0)

Genoa (3-4-1-2 ): Marchetti, Biraschi, Spolli, Gunter, Romulo, Mazzitelli (35' st Pedro Pereira), Hiljemark (12' st Lazovic), Criscito, Bessa; Pandev (16' st Kouamè), Piatek ( 25 Vodisek, 97 Radu, 10 Lapadula, 18 Rolon, 26 Dalmonte, 33 Lakicevic, 40 Omeonga, 45 Medeiros, 87 Zukanovic). All.: Ballardini

Bologna (3-1-4-2): Skorupski, De Maio, Danilo, Gonzalez (25' st Orsolini), Mattiello, Poli (22' st Svanberg), Pulgar, Dzemaili, Dijks, Okwonkwo, Destro (35' st Santander) (1 Da Costa, 29 Santurro, 8 Nagy, 11 Krejci, 15 Mbaye, 19 Valencia, 25 Corbo, 33 Calabresi, 91 Falcinelli). All.: F.Inzaghi

Arbitro: Banti.

Reti: 24' st Piatek.

Angoli: 5 a 3 per il Genoa.

Recupero: 1' e 5'.

Espulsi: Pulgar per gioco violento al 50' st Ammoniti: Destro, Dijks, Gonzalez, Bessa per gioco falloso. Marchetti e Skorupski per comportamento non regolamentare.

Var: 0.

Spettatori: 20.032 (Paganti 2028, abbonati 18.004). Incasso: 231.100 euro

Note: La partita è stata interrotta al 44' st per un infortunio del guardalinee Vivenzi che si trovava sul lato delle panchine. Il match è ripreso dopo un paio di minuti con il quarto uomo Baroni che ha preso il posto di Vivenzi mentre quest'ultimo ha concluso la partita come quarto uomo.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Сентябрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930