Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Inter-Parma 0-1, un eurogol di Dimarco affonda i nerazzurri

MILANO - Tutta la partita all'attacco, ma l'Inter è sconfitta. Ancora. Per la seconda volta in quattro partite, e sempre da un'emiliana: dopo il Sassuolo all'esordio, ora il neopromosso Parma a San Siro. Decide un tracciante di Federico Dimarco, tra l'altro in prestito dall'Inter perché è un prodotto del vivaio nerazzurro, al 34' della ripresa, dopo una gara condotta sempre in avanti dagli uomini di Spalletti, ma con scarsa lucidità negli ultimi trenta metri. E ora la crisi si accentua, perché la classifica piange: appena 4 punti in 4 gare.
C'è un primo tempo di controllo assoluto del territorio da parte dell'Inter. I dati sul possesso palla nei venticinque minuti iniziali sfiorano l'80%, poi sarà del 76% al 45': un dominio completo, perché il Parma concede palla e aspetta di lanciarsi in contropiede. Non c'è Icardi come previsto, con Keita al suo posto, ci sono Candreva e Dalbert un po' a sorpresa, c'è l'esordio di Nainggolan a San Siro, c'è l'Inter che spinge sempre ma con molta difficoltà entra in area, perché manca la giocata decisiva sulla trequarti, e Keita non ha i movimenti del centravanti. E' dunque tutto un tambureggiamento con tiri da lontano, di Candreva (8'), di Brozovic (9'), di Nainggolan un paio di volte a cavallo della mezz'ora, ma il portiere Sepe non corre grossi rischi. Entrano in area solo Perisic, che due palloni buoni li ha (al 16' destro al volo alto, al 27' grattugia a lato di poco, e di testa, un cross da corner), e soprattutto Keita, che ha l'occasione più nitida al 31' a centro area, su assist di un Dalbert in crescita, ma la spreca calciando addosso a Sepe. All'attivo del Parma solo una conclusione in diagonale di Inglese al 10', che trova pronto Handanovic, e qualche discesa pancia a terra di Gervinho, che semina un po' il panico ma non fa mai male.
Inter-Parma 0-1, un eurogol di Dimarco affonda i nerazzurri

L'esultanza del Parma a fine partita
Condividi
E' un'Inter che ha bisogno di Icardi, si direbbe, per concretizzare tutto il suo lavoro, ed ecco Maurito in campo a inizio ripresa, al posto di Keita. Solo che come spesso accade, Icardi gioca pochissimi palloni, entra di rado nelle azioni, anche se l'Inter continua a martellare e va vicinissima al gol al 12', su sinistro di Perisic che Dimarco salva sulla linea a Sepe battuto, e forse anche aiutandosi con un braccio. E' un assedio, e il Parma arretra sempre più, mentre entra Politano per un Candreva al solito fuori fase. Al 16' c'è un sinistro alto di D'Ambrosio da buona posizione. Nainggolan crea gioco ma si inserisce poco, allora prova ancora da lontano, al 28', e Sepe salva ancora in due tempi, perché il portiere del Parma manifesta grossi problemi nella presa, poi al 29' viene salvato da Gagliolo su un colpo di testa a scavalcare di Perisic.
La sensazione in tutto lo stadio è che il gol stia per arrivare, ma nessuno se lo attende nella porta dell'Inter, come invece accade a sorpresa al 34'. Federico Dimarco prende palla sulla trequarti, trova un corridoio inatteso perché Brozovic fallisce il tackle, avanza, poi dai 25 metri esplode un sinistro meraviglioso con traiettoria a uscire poi a rientrare che si spegne sotto l'incrocio alla sinistra di Handanovic. Imparabilissimo, sorprendente e definitivo. Dopo tanto difendersi il Parma passa in vantaggio e lo difende fino alla fine dai vani assalti di un'Inter che chiude in calando, e con l'unica occasione per Icardi al 90', ma sottoporta Maurito fallisce l'aggancio, a chiudere una prestazione orribile. Al fischio finale, il pubblico non ha neppure la forza di fischiare o contestare, la botta è stata troppo forte.
Inter-Parma 0-1 (0-0)

INTER (4-3-2-1): Handanovic, D'Ambrosio (26' st Asamoah), De Vrij, Skriniar, Dalbert, Brozovic, Gagliardini, Candreva (14' st Politano), Nainggolan, Perisic, Keita (1' st Icardi). (27 Padelli, 8 Vecino, 13 Ranocchia, 15 Joao Mario, 20 Borja Valero, 23 Miranda). All.: Spalletti.

PARMA (4-3-3): Sepe, Iacoponi (31' st Sierralta), B. Alves, Gagliolo, Gobbi (1' st Dimarco), Rigoni, Stulac, Barillà, Di Gaudio (17' st Deiola), Inglese, Gervinho. (1 Frattali, 56 Bagheria, 7 Da Cruz, 9 Ceravolo, 10 Ciciretti, 23 Gazzola, 26 Siligardi, 93 Sprocati, 95 Bastoni). All. D'Aversa.

Arbitro: Manganiello .

Reti: nel st al 34' Dimarco.

Angoli: 10 a 1 per Inter.

Recupero: 2' e 4'.

Ammoniti: Stulac, Brozovic e D'Ambrosio per gioco falloso, Dimarco per esultanza.

Var: 1.

Spettatori: 59.648.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Сентябрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930