Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

F1, Singapore: Hamilton in pole, Vettel ? solo terzo

MARINA BAY - "Un giro direi magico, non so da dove sia uscito". Infatti: Lewis Hamilton sbuca da un week end quasi anonimo a Singapore e sale sul palco con un primo giro spaziale che gli vale la pole numero 79 della carriera, la settima dell'anno, la quarta a Marina Bay. Gli basta un primo tentativo per disintegrare il record della pista di Marina Bay (1'36"015), tre secondi in meno di quello stabilito l'anno scorso da Sebastian Vettel. Una pole scavata dentro un turno di qualifiche dove ha persino rischiato di perdere il biglietto in Q1 e dove non ha portato a termine un secondo tentativo causa errore. Ma chissà se non è stato anche un gioco a nascondersi. "Sono riuscito ad azzeccare tutto in un giro solo, non ho neanche parole. Ho il cuore in gola, sono felicissimo. Non credo ci sia stato un momento durante il giro in cui abbiamo avuto il minimo problema. E' uno dei migliori che possa ricordare, almeno a livello di sensazioni. Questa pista è mitica, difficilissima, il circuito più impegnativo della stagione per noi. Ero agitato per le qualifiche, tutto stava nel mettere insieme vari dettagli, non riesco a pensare neanche a una curva che avrei potuto fare meglio. E' un circuito talmente fisico che dopo ti trovi a tremare. Ero nervoso quando sono rientrato ai box, ma poi ho visto che ero in pole".
Alle spalle del quattro volte campione del mondo, leader della classifica anche quest'anno con 30 punti di vantaggio su Sebastian Vettel, a tre decimi si piazza il ragazzino terribile olandese della Red Bull, Max Verstappen, 20 anni, che cercava la sua prima pole come il più giovane della storia: "Ma questo secondo posto ha il senso per me di una vittoria. Con i problemi che ho avuto in prova e qualifica il secondo posto è davvero fantastico, non ho mai avuto un giro scorrevole. Abbiamo una macchina incredibile". Max l'anno scorso partì dalla stessa posizione, ma dietro a Vettel, finendo poi a sandwich tra la Rossa davanti e quella di Raikkonen quarta dietro: "Dobbiamo fare una partenza pulita, dopo tutto sarà possibile. Dobbiamo però risolvere il problema del motore, in ogni caso sono contento della macchina".
Lo è anche Sebastian Vettel della Rossa, forse meno di se stesso: è solo terzo e a sei decimi da Lewis, dopo aver rischiato anche lui di non passare il taglio in Q2. Dopo il record nel primo settore nell'ultimo round, sbaglia la frenata di curva-13 e arriva lungo con l'anteriore destra bloccata. "Sono state delle qualifiche un po' confuse e pasticciate. Non è il risultato che volevamo ma gli altri sono stati più bravi di noi. Sono deluso perché la macchina è buona ma non siamo riusciti a estrarne il massimo e a trovare il ritmo. Sarà più difficile partire da dietro, per quanto la gara è sempre una storia diversa".
Vettel partirà con a fianco l'altra Mercedes di Valtteri Bottas quarta, che a sua volta precede la Ferrari di Kimi Raikkonen e la Red Bull di Daniel Ricciardo. Completano le top ten le due Force India di Sergio Perez ed Esteban Ocon, settimo e nono. Nel mezzo la Haas di Romain Grosjean, ottavo. Decimo Nico Hulkenberg con la Renault. Sarà una gara dove metterci tutto, per il tedesco della Ferrari, che è anche il più vittorioso a Singapore (4 volte, tre con Red Bull e una con Ferrari). Servirà freddezza, in questa baia rovente.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Ноябрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930