Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Lazio, Inzaghi: "A Empoli sfida insidiosa, Immobile e Milinkovic devono fare la differenza''

ROMA - È il momento di ripartire. La Lazio di Simone Inzaghi è pronta a mettere alle spalle la sosta per le nazionali e affrontare l'Empoli al Castellani, in una sfida (la seconda consecutiva contro una neopromossa) che Inzaghi non intende affatto sottovalutare: "I ragazzi hanno lavorato molto bene. Sia quelli che sono rimasti e non hanno avuto impegni con le nazionali, sia gli altri, che sono arrivati in buone condizioni. Abbiamo lavorato tutti insieme a partire da mercoledì. Sono contento di quello che abbiamo fatto, sappiamo che c'è una partita molto insidiosa ad aspettarci".
INZAGHI: "EMPOLI TRASFERTA INSIDIOSA, SERVE UMILTÀ" - Già, l'Empoli di Andreazzoli è il vincitore dell'ultimo campionato di Serie B, dominato attraverso il bel gioco in velocità: "Penso che lo sappiano anche i ragazzi. Andreazzoli è un bravissimo allenatore, che ha fatto giocare il miglior calcio di Serie B alla sua squadra l'anno scorso. Hanno iniziato in Serie A giocando sempre allo stesso modo, cambiando solo qualche uomo. Per noi sarà una trasferta insidiosa, ma dovremo dar seguito alla vittoria con il Frosinone, affrontando la sfida con umiltà e unità di intenti. Queste partite non sono facili da vincere: voglio una Lazio umile, unita e compatta, che deve avere un grandissimo approccio".
Il tecnico spera che i suoi ragazzi ritrovino la condizione mentale, perché quella fisica è già su buoni livelli: "A livello fisico stiamo bene, lo dicono i dati. La squadra ha fatto tre buone partite sotto quell'aspetto. Normale che manchi un po' di brillantezza, ma sono contento dell'ultima gara in particolare. Una gara non semplice e da vincere a tutti i costi. Probabilmente sarebbe stata meno sofferta se avessimo concretizzato la grande mole di gioco del primo tempo".
"IMMOBILE E MILINKOVIC FARANNO ANCORA LA DIFFERENZA" - A questo aspetto, quello del gol, dovranno pensarci Immobile e Milinkovic, tornati senza aver brillato dagli impegni con le rispettive nazionali: "Non ho visto le partite, ma i ragazzi sanno di aver dato il loro meglio. Ora si devono rituffare nel campionato e avranno ancora più voglia di dimostrare la loro voglia di far bene. Sono i nostri giocatori migliori, devono fare la differenza. In loro nutro tanta stima e fiducia: hanno fatto la differenza e continueranno a farla".
E chissà che non possa trovare spazio anche Joaquin Correa: "Ci sto pensando, perché in questi 15 giorni ha lavorato molto bene, si è ambientato con compagni e staff. Sono convinto che ci aiuterà: vediamo se partirà dall'inizio o a gara in corso". Sono i primi segnali di turnover, cui Inzaghi dovrà certamente ricorrere nel corso di questo tour de force: "Comincia un ciclo terribile, dovremo farci trovare pronti. Dovrò essere bravo a interpretare le scelte nel modo migliore. Ci aspettano tante partite ravvicinate che dovremo affrontare una alla volta, guardando sempre l'obiettivo più vicino".
"SU BERISHA STIAMO PROCEDENDO CON CAUTELA" - Il prossimo si chiama Empoli, dove la squadra sarà supportata da oltre 3000 tifosi: "In questi due anni a mezzo siamo sempre stati accompagnati dalla nostra gente. Anche domani si faranno sentire, per noi hanno una grandissima importanza. Con il Frosinone sono stati magnifici. Ci hanno spinto sempre, penso che abbiano apprezzato il lavoro svolto". Infine Inzaghi fa il punto sugli infortunati: "Berisha ha ricominciato a lavorare in campo, il ragazzo ha avuto un infortunio gli ultimi giorni di Auronzo, poi una ricaduta. Procediamo con cautela e vediamo di giorno in giorno le sensazioni del ragazzo. Non si è ancora unito al gruppo, lo aspettiamo perché sarà un giocatore importante. Luiz Felipe sta seguendo il protocollo, vedremo la prossima settima come reagirà il muscolo. Per Lukaku ci vorrà ancora un po' di tempo, anche se sta migliorando".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Ноябрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930