Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Torino, Mazzarri: "A Udine una prova di maturit?. Zaza? Non ? pronto"

TORINO - Non usa mezze misure, Walter Mazzarri, nel presentare la sfida che domani il Toro lancia all’Udinese. “Io mi aspetto una prova importante, quella di domani è una grande prova di maturità” dice il tecnico granata che vuol tornare dalla Dacia Arena facendo il pieno a livello di punti e di prestazione.
Mazzarri, che squadra è l’Udinese?

“E’ una squadra che in casa finora ha battuto la Samp, e questo è già un segnale attendibile. Segno che non sarà per nulla facile”.
Iago Falque e Belotti non si toccano, Zaza ha giocato titolare in Nazionale. Come farà a scegliere?

“Se vogliamo crescere deve giocare chi è più in forma, a seconda anche che la squadra possa reggere i due o i tre attaccanti. I giocatori sono professionisti e chi viene al Toro deve accettare di essere in competizione per migliorare classifica e risultati; il resto è aria fritta. La Nazionale, poi, va per conto suo; semmai sarà la Nazionale che dovrà tenere conto di ciò che viene fatto nei club”.
Zaza come lo ha trovato dopo aver giocato 90 minuti in azzurro?

“Quella è la cosa positiva, ma poi conta a che ritmi si gioca; e se vogliamo aggredire l’avversario come nella ripresa contro Roma e Inter bisogna andare a mille. Zaza in questo momento non ha ancora i ritmi di tutti gli altri. E poi mi sembra che la Nazionale non abbia vinto; noi invece dobbiamo vincere…”
Il turnover sarà un’arma in più?

“Assolutamente sì e la squadra non deve risentirne. Chi viene al Toro deve lottare per riportare in alto questa società gloriosa. E deve lottare per un risultato di squadra non individuale”.
Fra i convocati c’è anche Aina, recuperato in extremis. Come sta l’ex Chelsea?

“La squadra è un mosaico, ecco perché mi è spiaciuto che si sia completata proprio alla fine, perché così gli esperimenti si devono fare in campionato. Aina si è fatto male perché non ha fatto la preparazione con noi, adesso sembra guarito ma ha perso un po’ di condizione fisica. E se giocasse novanta minuti senza cambi potrebbe rifarsi male...”
Infine Parigini. Come lo ha visto in Under 21?

“Gli devo rendere merito: doveva andar via, invece ha fatto grandi progressi, oggi è più uomo. Deve avere pazienza ma io lo tengo in considerazione”.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Сентябрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930