Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Tour de France, Nibali guadagna su Froome, Bardet e Dumoulin. A Martin il Mur de Bretagne

Il Mur de Bretagne è una salita amata in Bretagna, al punto tale da essere pomposamente definita lAlpe dHuez bretone. Esagerazione. Qui i tornanti della mitica salita alpina lasciano spazio ad un drittone con pendenza massima del 10%. E' però un primo test per capirci qualcosa sulle condizioni dei big, anche se in realtà si capisce poco. Detto che la vittoria va allirlandese Daniel Martin, che al Tour aveva già colto un successo 5 anni fa, e che Greg Van Avermaet mantiene la maglia gialla, i risultati dei big sono abbastanza frutto del caso. Arriva con i migliori Vincenzo Nibali, il dato non è da sottovalutare: nel 2015, sulla stessa salita, lo Squalo aveva perso una ventina di secondi lasciando trasparire la difficoltà di un bis dellimpresa dellanno precedente. Tre anni fa ero unaltra persona, non riuscivo ad andare spiega il siciliano-. Questo è uno strappo da fare tra la vita e la morte, dura 5/6 minuti ma è uno sforzo violento. Sono soddisfatto della mia prova. Unico appunto possibile per Nibali e compagnia, è una distrazione quando allarrivo mancano un centinaio di km. Il vento per i belgi è come il miele per gli orsi, e quando soffia violento e laterale la Quick Step Floors (non sono tutti belgi ma il ceppo è quello) scatena una offensiva micidiale. Gruppo spezzato, Nibali è nel secondo troncone. Poi il vento gira e tutto rientra nella norma, però il rischio è grosso
E Froome? Il Team Sky lavora bene, lui però si imballa sul più bello: cinque secondi dietro Nibali, non è granché è pur sempre un segnale. I veri sconfitti di giornata confermano invece una tendenza del Tour in queste prime tappe.Verdetti del caso. Stavolta le cadute non centrano, imperano le forature. La peggio va a Tom Dumoulin, fregato a 5 km dal traguardo: alla fine il ritardo è di 53, in un giorno del genere è tantissimo. Ma se non c'è danno senza beffa, arriva puntuale una penalizzazione di 20'' per aver sfruttato la scia delle varie ammiraglie nel tentativo di recupero. Va un po' meglio a Bardet, ma solo perché la foratura avviene qualche migliaio di metri dopo: per il francese mezzo minuto di gap.
Dunque nel primo arrivo in salita succede poco ed al tempo stesso tanto. Dellarrivo abbiamo detto. La partenza è da Brest, luogo che in Francia è inscindibile dal ciclismo. La Parigi-Brest-Parigi era una corsa dal chilometraggio infinito, disputata a livello professionistico 7 volte tra il 1891 e il 1951, poi non si trovarono più partecipanti A Brest prese il via il Tour del 1952, quello della seconda cavalcata trionfale di Fausto Coppi. A Brest si consumò laddio al Tour di una leggenda delletà eroica come Henri Pélissier, tradito da una caduta. A Brest Chris Froome assaggiò per la prima volta il Tour: era il 2008, il keniano bianco era uno dei tanti, correva per la Barloworld, era impossibile immaginare che un giorno
Dopo meno di un km parte una fuga di 5 uomini: la Direct Energie crea la superiorità numerica con Gaudin e Grellier. Con la coppia ci sono Pichon (Fortuneo), Turgis (Cofidis) e Smith (Wanty-Gobert). Ai -100 lesplosione del vento e della gara, poi tutto rientra, compreso Roglic. lo sloveno è addirittura nel terzo troncone, poi è vittima di una caduta e nonostante tutto arriva nei primoi dieci. Restano quindi i due passaggi al Mur de Bretagne. Il primo è soporifero, il secondo più intenso. Tutti aspettano Gilbert, Alaphilippe e Sagan, invece è Martin che va. Lunico che cerca di andarlo a prendere è Pierre Latour, una delle grandi speranze francesi, che manca di pochi metri lobbiettivo.
ORDINE D'ARRIVO

1. Daniel Martin
(Irl, Uae Emirates)
in 4h13'43"

2. Pierre Roger Latour (Fra, AG2R La Mondiale)
a 01"

3. Alejandro Valverde (Esp, Movistar)
a 03"

4. Julian Alaphilippe
(Fra)
s.t.

5. Rafal Majka
(Pol)
s.t.

6. Adam Yates
(Gbr)
s.t.

7. Bauke Mollema
(Ned)
s.t.

8. Peter Sagan
(Svk)
s.t.

9. Geraint Thoms
(Gbr)
s.t.

10. Primoz Roglic
(Slo)
s.t.

11. Richie Porte
(Aus)
s.t.

12. Greg Van Avermaet
(Bel)
s.t.

13. Nairo Quintana
(Col)
s.t.

14. Vincenzo Nibali
(Ita)
s.t.

16. Mikel Landa
(Esp)
s.t.

17. Tejay Van Garderen
(Usa)
a 06"

18. Chris Froome
(Gbr)
a 08"

30. Domenico Pozzovivo
(Ita)
a 12"

33. Romain Bardet
(Fra)
a 31"

46. Tom Dumoulin
(Ned)
a 53"

CLASSIFICA GENERALE

1. Greg Van Avermaet
(Bel, Bmc)
in 22h35'46"

2. Geraint Thomas
(Gbr, Sky)
a
3"

3. Tejay Van Garderen
(Usa, Bmc)
a
5"

4. Julian Alaphilippe
(Fra)
a
6"

5. Philippe Gilbert
(Bel)
a
12"

6. Bob Jungels
(Ned)
a
18"

7. Rigoberto Uran
(Col)
a
45"

8. Alejandro Valverde
(Esp)
a
51"

9. Rafal Majka
(Pol)
a
52"

10. Jakob Fuglsang
(Den)
a
53"

11. Richie Porte
(Aus)
s.t.

12. Mikel Landa
(Esp)
a
55"

13. Adam Yates
(Gbr)
a 1'02"

14. Chris Froome
(Gbr)
s.t.

16. Vincenzo Nibali
(Ita)
a 1'08"

19. Tom Dumoulin
(Ned)
a 1'23"

23. Romain Bardet
(Fra)
a 1'45"

27. Nairo Quintana
(Col)
a 2'10"
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«     2018    »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031