Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Roma, Cristante con il 4 di Nainggolan: "Ma nessuna guerra al passato"

Roma, Cristante con il 4 di Nainggolan: "Ma nessuna guerra al passato"
Bryan Cristante (agf)
ROMA - Nessuna paura del passato, ma solo tanta voglia di dimostrare. E' con questo biglietto da visita che Bryan Cristante si presenta alla Roma nella sua prima conferenza stampa in giallorosso. L'ex centrocampista dell'Atalanta, un po' a sorpresa, sceglie la maglia numero 4 di Radja Nainggolan, raccogliendo così un'eredità pesante, che però, sembra non scalfirlo: "Non arrivo qui per fare la guerra a chi c'è stato prima di me - dice il 23enne in sala stampa a Trigoria -. Penso solo a me stesso e al mio percorso. Ho voglia di fare bene, l'obiettivo è portare dei gol. Quando ho saputo dell'offerta della Roma non ho esitato. Penso che questo sia il posto giusto per me. Cosa mi ha detto Di Francesco? E' ancora presto, per ora ci ha dato delle indicazioni generali di quello che vuole: bel calcio e pressing alto. Sono fiducioso, è un allenatore che valorizza tanto i centrocampisti".
MOTIVAZIONE - Bryan Cristante con 20 milioni più 10 di bonus è il centrocampista più costoso nella storia della Roma: "Ma non sento il peso del cartellino - dice ancora -. Anche perché rispetto al passato i tempi sono cambiati e anche le valutazioni economiche. Io comunque la vivo bene, so che devo crescere ancora tanto, ed è solo uno stimolo in più". Come sarà il passaggio da Gasperini a Di Francesco? Anche qui pochi dubbi: "Gasp è fantastico con i giovani, sono felice di aver lavorato con lui, ma adesso continuerò qui il percorso avviato. Non credo che avrò problemi nel passare a Di Francesco. Penso solo che dovrò allenarmi nel modo giusto e farmi trovare pronto".
MONCHI - Al fianco di Bryan Cristante, in sala stampa, anche il direttore sportivo Monchi che esprime tutta la sua soddisfazione per l'acquisto di quello che definisce "il centrocampista più forte dello scorso campionato" e "il futuro della Nazionale italiana".
LAVORO E COLLETTIVO - Sulla nuova Roma che sta nascendo, Monchi è ottimista: "Ho visto un buon atteggiamento ma soprattutto ho visto lavorare Di Francesco. Abbiamo la fortuna di avere un allenatore che lavora con tanta voglia, che trasmette tanto, e questo è importante per una squadra che ha fatto 10 nuovi acquisti e vuole lottare per cose importanti". Come? Monchi rievoca un po' il "trabajo y sudor" di Luis Enrique: "Io dico sempre che noi abbiamo due cose importanti: il lavoro e il collettivo. Per me sono elementi fondamentali per arrivare lontano. Li ho percepiti e visti con i miei occhi. Sono due valori che non possiamo dimenticare. Credo che questa sarà la strada migliore per trovare il successo".
MERCATO - Ultime battute dedicate al mercato: "In entrata posso promettere che non ci saranno altre operazioni per quanto riguarda il centrocampo. In uscita penso di sì: siamo tanti ma aspetto le indicazioni del mister. Lorenzo Pellegrini? Nulla di nuovo. Ho letto con grande soddisfazione che ha detto di voler rimanere per fare cose importanti. Avere in rosa Pellegrini e Cristante è motivo di orgoglio perché saranno le due mezzali del futuro della Nazionale. E penso che Lorenzo rimarrà qui ancora per tanti anni. Chiesa? Mi piace ma è un giocatore della Fiorentina".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Июль 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031