Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

MotoGp, Francia: prime libere nel segno di Marquez, Dovizioso ? secondo

LE MANS - Racconta che quella francese è forse la pista che piace di meno a lui e alle Honda, però Marquez chiude in testa (1'32"476) anche la prima sessione di prove libere a Le Mans. Che fenomeno, il catalano. Dietro al campione del mondo in carica, leader della classifica, sono però vicinissime la Ducati di Dovizioso - 2° ad appena 25 millesimi dal rivale - e le due Yamaha di Vinales (3° crono: 67 millesimi di ritardo dal migliore) e Valentino, che sono sembrati subito molto competitivi su questo circuito, tradizionalmente favorevole alle moto di Iwata. Il Doc ha chiuso 6° in 1'32"777 e quindi a 3 decimi e un centesimo da Marc, preceduto dalla Honda del team Cecchinello guidata dall'inglese Crutchlow (1'32"734) e dalla "vecchia" Yamaha dell'idolo di casa, Zarco (quinto a 279 millesimi. Di fatto, due terzetti: quello formato da Marquez-Dovizioso-Vinale, racchiusi in meno di un decimo, e un po' più lontano Crutchlow-Zarco-Rossi, divisi da 43 millesimi.
Iannone è 7° con la Suzuki, a 443 millesimi, poi Lorenzo che però accusa più di 6 decimi di ritardo. Per ora è fuori dai primi 10 la coppia di ducatisti della Pramac (Petrucci 11° e giusto davanti a Miller, con quasi 8 decimi da recuperare), Pedrosa che perde un secondo ma non sta bene fisicamente e più lontano l'altra Suzuki di Rins, la Honda di Morbidelli, la seconda Yamaha Tech3 di Syahrin. Quattordicesimo tempo per l'Aprilia di Aleix Espargarò, che ha rinnovato di 2 anni il contratto con la casa di Noale e tra pochi giorni diventerà papà di due gemellini.
"Vinales e Marquez sono quelli che hanno impressionato di più, facendo giri veloci senza cambiare gomma", dice con tutta onestà Davide Tardozzi, team manager Ducati. Sorride Maio Meregalli, direttore della squadra Yamaha: "La temperatura dell'asfalto ci ha aiutato. Sapevamo che questa pista ci saremmo trovati bene, rispetto alla moto delle precedenti gare non è cambiato nulla ma questa è una pista che ci piace, Molto indicativa soprattutto la corsa di Maverick, ma anche Valentino con le morbide ha fatto molto bene".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Декабрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31