Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Ciclismo, Giro dell’Appennino: Cunego cerca il tris prima dell’addio. In gara anche la Nazionale

ROMA - Dopo le fatiche del Tour of the Alps, vinto dal francese Thibaut Pinot, il calendario italiano continua con il Giro dell'Appennino (differita dalle 17:30 di domani su Repubblica Tv Sport). La classica del nord est, vinta sei volte da Gianbattista Baronchelli, sarà la quinta prova della Ciclismo Cup, competizione che regala alla squadra vincitrice della classifica generale una partecipazione certa al Giro d'Italia dell'anno successivo.

Tanti i protagonisti annunciati: a partire da Damiano Cunego (Nippo Vini Fantini), vincitore del Giro 2004, che sulle strade liguri correrà una delle sue ultime gare. Il sogno era di chiudere con la Corsa Rosa di quest'anno ma la squadra del veronese non è stata invitata. Così, il "piccolo principe" diventato ormai un veterano, dovrà accontentarsi dei Campionati Italiani di fine giugno come passerella di una splendida carriera (tre Lombardia, tre Giri del Trentino, una Amstel Gold Race, l'argento ai Mondiali di Varese 2008 oltre al già citato Giro d'Italia).
Numerosi i successi anche nelle classiche italiane di un giorno tra cui due Giri dell'Appennino (2004 e 2011). Ci proverà anche questa volta Cunego ma dovrà fare attenzione a tanti avversari più giovani di lui, pronti a conquistare la gara vinta in passato da leggende del nostro ciclismo come Fausto Coppi e Francesco Moser. Edoardo Zardini e Jacopo Mosca (Wilier Triestina Selle), Paolo Totò (Sangemini) e il compagno di squadra di Cunego, Marco Canola sono solo alcuni dei favoriti. Poi ci sono gli uomini dell'Androni Giocattoli, campione d'Italia in carica, con Davide Ballerini e Francesco Gavazzi a guidare la squadra. Grande assente tra i ragazzi del direttore sportivo Gianni Savio, il talento colombiano Ivan Sosa, brillante nelle prime tappe del Tour of the Alps ma vittima di una brutta caduta. In gara anche la Nazionale italiana, capitanata da Antonio Nibali, fratello di Vincenzo. Percorso duro per il Giro dell'Appennino con partenza da Serravalle Scrivi e arrivo nel centro di Genova dopo 194 chilometri e quasi 3500 metri di dislivello. Il Passo della Bocchetta e quello dei Giovi saranno le due salite più impegnative dove i migliori cercheranno di fare selezione in vista dello sprint finale di via XX settembre, nel centro del capoluogo ligure.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Сентябрь 2019    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30