Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Nuoto, Primaverili: record italiano per Scozzoli nei 50 rana, Paltrinieri si conferma nei 1500

RICCIONE - Il record italiano di uno strepitoso Fabio Scozzoli nei 50 rana, il primato cadette di Simona Quadarella nei 400 stile libero, il miglior crono europeo stagionale di Margherita Panziera nei 200 dorso. E poi Gregorio Paltrinieri che vince i 1500 stile libero trascinando il giovane Domenico Acerenza verso la qualificazione agli Europei di Glasgow (3-9 agosto) dove andranno, alla fine, 31 azzurri. Non sono davvero mancate emozioni e conferme nell'ultima giornata dei campionati assoluti primaverili di nuoto.
SCOZZOLI, RECORD ITALIANO SUI 50 RANA - Il primo acuto è arrivato da Fabio Scozzoli che ha stabilito il record italiano nei 50 rana in 26″73, abbassando di 18 centesimi il 26″91 da lui stesso stabilito lo scorso 26 luglio ai Mondiali di Budapest. Il 30enne romagnolo - 25 medaglie tra mondiali ed europei- ha sfoderato la terza prestazione europea di sempre e ha stabilito il mondiale stagionale. "Questo primato è frutto di un grande lavoro che continua quotidianamente, senza mai trascurare nulla", ha sottolineato Scozzoli, allenato da Cesare Casella.
CONFERME PER CASTIGLIONI E CARRARO - Nella finale femminile successo della primatista azzurra Arianna Castiglioni in 30″67. La 21enne di Busto Arsizio - allenata dal tecnico federale Gianni Leoni e gia' vincitrice dei 100 rana - ha preceduto Martina Carraro che ha nuotato in 30″93, quanto basta per il pass continentale (tempo limite 31″2), già conquistato nella doppia distanza. Terza la pugliese Benedetta Pilato che ha chiuso in 31″82, ritoccando il record italiano ragazze (32″10) stabilito in batteria e che, a sua volta, aveva cancellato il 33″02 di Eleonora Clerici del 2013.
QUADRELLA CALA IL TRIS - Simona Quadarella ha calato il tris dopo i titoli negli 800 e nei 1500. Si è ripetuta nei 400 stile libero con record italiano cadette in 4'06″78, togliendo quasi un secondo al 4'07″73 di Linda Caponi del 2015. La 19enne di Roma - bronzo iridato nei 1500 a Budapest 2017, seguita da Christian Minotti - ha demolito il primato personale (precedente 4'08″16), proiettandosi dal 9° al 3° posto tra le performer italiane e fissando il 6° tempo mondiale stagionale. "Sento sempre più mia questa distanza - ha spiegato Quadarella - Sono curiosa di provarla anche agli Europei".
TURRINI STRAPPA IL PASSO PER GLI EUROPEI NEI 400 MISTI - Ha strappato il pass per gli Europei anche Federico Turrini che si è imposto nei 400 misti. Il capitano azzurro, allenato dal tecnico federale Stefano Franceschi, ha toccato in 4'16″40, precedendo il vicentino Pier Andrea Matteazzi, 2° con il primato personale 4'17″21 (precedente 4'20″73) e salito all'8° posto tra i performer italiani.
PALTRINIERI, VITTORIA IN SCIOLTEZZA NEI 1500 - Gregorio Paltrinieri ha vinto in scioltezza la finale dei 1500 stile libero in 14'50″35, 4/a prestazione iridata dell'anno. "Ho fatto più fatica rispetto agli 800", ha detto il 23enne di Carpi. "Penso che sia normale non essere brillantissimi. La nuotata è da mettere a posto ma 14'50" non è un tempaccio, considerando il momento della stagione. Prima degli Europei farò i Giochi del Mediterraneo e il Sette Colli. Ma adesso serve tanto allenamento, con il Moro andremo in altura: a Glasgow sarò in forma". Alle spalle di Paltrinieri, il neo compagno d'allenamenti Domenico Acerenza che, dopo essere salito sul gradino più alto del podio nei 400, ha toccato in 15'00″63, scendendo sotto il limite tabellare (15'02″0).
PANZIERI, PRIMA VOLTA SOTTO I 2'09" NEI 200 DORSO - Dopo il record italiano nei 100 dorso, Margherita Panziera ha confermato l'ottimo stato di forma nei 200 dorso, scendendo per la prima volta in carriera sotto i 2'09". La 22enne di Montebelluna ha chiuso in 2'08″99 (prec. 2'09″43), miglior prestazione continentale stagionale e 9/a al mondo. "Il record di Alessia Filippi (2'08″03) è lontano ma non lontanissimo", ha sottolineato Panziera, preparata da Gianluca Belfiore. Alle sue spalle si è piazzata la veneta Carlotta Toni che in 2'11″10 ha stabilito il proprio personale, togliendo oltre 6" al 2'17″45 siglato a Ginevra lo scorso gennaio e arrivando al 7° posto tra le performer azzurre. L'ultimo titolo individuale lo ha conquistato nei 50 farfalla Elena Di Liddo che ha fermato il tempo sul 26″48. La 24enne di Bisceglie - argento alle Universiadi a Taipei lo scorso agosto - ha migliorato il primato personale (prec. 26″50).
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Апрель 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30