Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Basket, Europe Cup: Venezia doma Groningen, Avellino vince di misura

ROMA - L'andata delle semifinali di Europe League parla italiano. Venezia e Avellino sfruttano il fattore campo e si impongono rispettivamente sul Donar Groningen e sul Bakken Bears. Più convincente il successo della Reyer che, grazie ai 10 punti di margine (82-72), costruisce un discreto vantaggio in vista del ritorno di mercoledì prossimo in Olanda. La Scandone, invece, si fa rimontare nel finale e dovrà difendere in Danimarca le tre lunghezze (75-72) acquisite nella sfida del PalaDelMauro.
VENEZIA IN CRESCENDO - C'è grande precisione al tiro e intensità difensiva nell'inizio dell'Umana, che si porta sull'11-2 dopo 3'30", coinvolgendo soprattutto i lunghi. Il primo canestro olandese su azione arriva al 4?, ma l'inerzia non cambia e Haynes a metà quarto trova il 15-4. Nonostante il 6/6 da 2 punti iniziale degli orogranata, appena il Groningen si sblocca dall'arco infila un parziale di 2-10 che spinge coach De Raffaele al time out sul 17-14 al 7?. Anche grazie all'antisportivo di Pasalic su Daye, gli orogranata si riportano sul +11 (28-17) al 9'30", ma la tripla sulla sirena di un Burgess scatenato manda le squadre al primo intervallo sul 28-21. A cavallo dei due quarti, il Donar trova un incredibile break di 0-15 in 4?, che vede protagonisti ancora Burgess e Slagter. Dal 28-32 Venezia riesce comunque a riorganizzarsi, limando punto su punto e facendo sporcare le percentuali agli avversari. E' Jenkins dalla lunetta (prima di spendere il terzo fallo) a siglare il sorpasso sul 35-34.
La partita procede a strappi e il finale è nuovamente olandese. E' un ispirato Pasalic a propiziare il parziale di 0-6 che viene chiuso dalla lunetta da Gipson per il 42-43 all'intervallo lungo. Il secondo tempo si apre con una tripla di Jenkins e un'Umana che si fa sentire maggiormente a rimbalzo. Il break iniziale è di 9-2, chiuso con una schiacciata di Tonut (51-45) costringe la panchina olandese al time out. Il Donar rientra bene in campo e si riporta a -2 (51-49) al 24′, poi trova il sorpasso (55-56) al 25'30". La Reyer, però, alza l'intensità difensiva e chiude ottimamente il quarto: una tripla di Tonut apre un parziale di 11-1 che manda gli orogranata avanti 66-57 all'ultimo intervallo. Il punteggio torna a muoversi con Gipson (66-59), dopodiché Watt e un contropiede di Tonut spingono l'Umana al massimo vantaggio (70-59). Il Groningen prova a rifarsi sotto, ma gli orogranata sono bravi a tenere gli avversari sempre a distanza fino al definitivo 82-72.
Umana Reyer Venezia-Donar Groningen 82-72

(28-21, 42-43, 66-57)

Venezia: Haynes 12, Peric 11, Johnson 8, Tonut 14, Daye 10, De Nicolao 6, Jenkins 8, Bolpin ne, Ress, Biligha 3, Cerella 2, Watt 8. All. De Raffaele.

Groningen: Cunningham 2, Gipson 14, Koopmans ne, Dourisseau 5, Koenis 2, Mast ne, Curry 6, Hoeve ne, Burgess 14, Bruinsma, Pasalic 20, Slagter 9. All. Braal.
AVELLINO CALA NEL FINALE - Avellino parte bene e piazza subito un parziale di 6-0, chiuso dal canestro di Fesenko. La reazione del Bakken Bears è immediata e la sfida torna ben presto a scorrere sui binari dell'equilibrio. Si gioca punto a punto fino al 15 pari di fine primo quarto. L'avvio di secondo periodo, invece, è tutto di marca ospite: i danesi mettono in difficoltà la Sidigas e si portano sul 15-20. Gli irpini sono costretti a inseguire e per due volte raggiungono la parità, ma vedono il Bakken Bears allungare ancora. Prima dell'intervallo, però, gli uomini di coach Sacripanti mostrano i muscoli e rimettono la testa avanti, andando negli spogliatoi sul 37-31. Al ritorno sul parquet Avellino appare padrona incontrastata del campo: la Scandone cambia marcia a dopo meno di tre minuti scappa sul +11 (45-34). I biancoverdi sono in controllo, toccano il massimo vantaggio sul 52-38 e chiudono la frazione con un prezioso 65-52. Il Bakken Bears prova ad avvicinarsi, rosicchia qualche lunghezza ma la Sidigas riesce comunque a limitare il tentativo di rimonta ospite. A due minuti della sirena Avellino è ancora sopra di 8, ma i danesi compiono un grande sforzo nel finale fino al -2 (74-72). L'1/2 dalla lunetta di un Rich comunque superlativo (28 punti) fissa il punteggio sul definitivo 75-72. Tra una settimana il ritorno di fuoco in Danimarca.
Sidigas Avellino-Bakken Bears 75-72

(15-15, 37-31, 65-52)

Avellino: D'Ercole 6, Fitipaldo, Leunen, Maarten 2, Rich 28, Scrubb 9, Fesenko 11, Filloy 3, Fucci, Lawal 6, Parlato, Wells 7, Zerini 3. All. Sacripanti.

Bakken Bears: DeVaughn 8, Crockett 4, Darboe 11, Diouf 26, Jukic 9, Bishop 5, Christoffersen 2, Iversen, Laerke 3, Pedersen 3, Sahlertz, Wiggins 1. All. Wich.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Сентябрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930