Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Champions, impresa della Roma: fa tre gol al Barcellona e va in semifinale

ROMA - Ci sono nottate nelle quali quello che sembra impossibile si concretizza. Piano piano, con pazienza e determinazione. Con furore ma senza frenesia. La Roma ha giocato così per 90 minuti. Ed è entrata nella leggenda. Ha cancellato il 4-1 del Nou Camp che sembrava una sentenza. Ha vinto 3-0. Contro il Barcellona. O contro qualcosa che somigliava alla squadra catalana meno di quanto la sciapa maglia celestina evocasse quella blaugrana. Messi ammonito per fallo di frustrazione nell'inseguire Kolarov. Iniesta rimontato da Schick nei primi 45 minuti, chiamato in panchina da Valverde prima che finissero i secondi 45. Suarez, l'unico forse che prova a sbattersi ma in modo scomposto. E invece di fronte una squadra da copertina.
"Sono rimasto per giocare partite così" aveva detto Edin Dzeko dopo la qualificazione a questi quarti di finale. In realtà quello era solo l'antipasto. La storia l'ha scritta stasera. Insieme a De Rossi e Manolas, proprio i due che all'andata avevano spinto la palla nella porta sbagliata. Ma quella era una serata grigia, questa è una notte marchiata dai colori della leggenda. E stavolta Dzeko, De Rossi e Manolas fanno gol tutti nella porta giusta. E regalano alla Roma la semifinale di Champions League.
Di Francesco vuole coraggio dai suoi e coraggio dimostra lui per primo, allestendo la difesa a tre con Fazio, Manolas e soprattutto Juan Jesus che si trova a gravitare nell'orbita del Re Sole Messi. Il 3-5-2 può sembrare un ammiccamento alla difesa a 5, ma vale solo per pochi minuti di assestamento, nei quali comunque la linea della difesa romanista galleggia sulla striscia bianca di centrocampo. E la squadra alta è una squadra che fa male subito. Sesto minuto appena iniziato: De Rossi fa spiovere palla dietro al duo Jordi Alba-Umtiti che avrebbero pure ampio margine su Dzeko, se non fosse che il centravanti giallorosso scarica sulle gambe tutta la voglia di "giocare partite così". Edin sorpassa i due catalani e va a segnare. Ci sono 84 minuti davanti. Chissà.
E chissà, ci si dice anche al 15', quando Schick - che poco prima aveva colpito di testa in torsione su corner, mandando alto, proprio quello Schick che era sembrato insipido in campionato - è andato a strappare palla al maestro Iniesta. Il Barça è tutto impacciato quando deve portare palla dalla difesa. E lo è per tutto il primo tempo. E questo fa specie. A centrocampo la musica cambia, ma non è mai la sinfonia blaugrana. Su Messi Di Francesco ha costruito una gabbia diretta da un De Rossi sopra le righe, con Strootman versione argine. Ripresa palla, la formula prevede sguardo largo sugli esterni e da lì invito al centro per il duo d'attacco: Florenzi la recita benissimo, Schick spreca a lato, ma più tardi Dzeko impegna Ter Stegen.
Dall'altra parte Alisson si deve ingegnare solo a costruire barriere nelle due occasioni in cui Messi può calciare da fermo dai 20 metri. Minuti preparazione nei quali l'Olimpico fischia. Per poi esplodere in un urlo liberatorio quando il fuoriclasse argentino calcia alto, in entrambe le occasioni. Si va al riposo senza che il Barcellona dia segni di risveglio dal torpore.
E allora ci pensa la Roma ad assestare un altro schiaffo. Stavolta è Naingollan a darla in avanti a Dzeko. Stavolta il centravanti non va in progressione ma gioca di fisico su Pique. E il difensore catalano lo trascina a terra. Rigore. De Rossi lo calcia sulla sua destra. Ter Stegen la sfiora ma il boato è giallorosso. È il 2-0. Ed è il minuto 58. Ne mancano 32. Chissà.
Il Barcellona sembra ancora un orso appesantito dal pasto dell'andata e voglioso di sonnecchiare a lungo. Resta ancora schiacciato in area. Naingollan calcia al volo in area al 22'. Ter Stegen si stende per parare. Poi la palla spiove da sinistra in area catalana. De Rossi sbuca dal lato opposto e di testa la manda a lato. È il 23.
Di Francesco decide di cambiare modulo: al 28' dentro Under per Schick, al 32' tocca a El Shaarawy per Naingollan. Il primo prova un tiro a giro: alto. Il secondo sbuca da sinistra in acrobazia su un cross di Florenzi e Ter Stegen deve respingere. La partita continua a farla la Roma. Fino al minuto 38, quando l'impossibile si concretizza. Corner battuto da Florenzi, Manolas sul primo palo brucia Semedo, Ter Stegen, i pronostici, gli scettici, le ansie. La Roma torna in semifinale di Champions dopo 34 anni.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Апрель 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30