Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Donadoni: "Io voglio restare a Bologna"

Donadoni: "Io voglio restare a Bologna"
(agf)
BOLOGNA Alla vigilia della centesima panchina da tecnico rossoblù, ovvero la sfida che sabato alle 12.30 oppone il Bologna alla Roma, Roberto Donadoni svela le sue intenzioni future: "Cento panchine a Bologna è un traguardo di tutto rispetto e non era scontato arrivarci - ammette l'allenatore, arrivato qui al posto di Delio Rossi a fine ottobre 2015 - e dunque per me l'augurio è quello di fare molte altre partite qui, possibilmente regalando qualche soddisfazione importante ai tifosi".
Per la prima volta, insomma, Donadoni si sbilancia sul suo avvenire. Non era successo nemmeno nel suo periodo aureo, quando nell'estate 2016 fu a un passo dal ritorno in Nazionale. Si scopre invece oggi, nella fase più delicata della sua carriera a Bologna, con un anno di contratto davanti ma molti dubbi sulla sua permanenza. Le ultime nove gare di questo campionato influenzeranno le decisioni della dirigenza, che ha già soppesato le possibili alternative, da Nicola a Di Biagio. E per questo Donadoni, giocando d'anticipo, mostra subito le sue intenzioni: "Per me è un onore esser qui e vorrei proseguire col lavoro, per raggiungere nuovi traguardi".
Il primo passo è la Roma, attesa la prossima settimana ai quarti di Champions con il Barcellona. Approfittare della fisiologica distrazione europea può essere la grande opportunità di un Bologna che contro le grandi da due anni ha sistematicamente fallito. "Fare risultato è l'obiettivo di questa gara - spiega Donadoni, reduce da un incoraggiante pareggio all'Olimpico con la Lazio - e poco mi interessa che la Roma sia impegnata subito dopo in Champions League. Non sono le distrazioni degli avversari a dover costituire la nostra forza, anche se per esperienza so che un pensiero alla Coppa si fa sempre".
Nell'attesa del campo, i soliti dubbi, legati soprattutto alla presenza di Mattia Destro: "Non ho ancora deciso se giocherà", ha chiuso in maniera lapidaria Donadoni, mentre invece è certo il debutto da titolare del terzo portiere Santurro, che sostituisce lo squalificato Mirante e l'acciaccato Da Costa. Dietro di lui, in panchina, il quarto portiere Ravaglia. Prima del fischio d'inizio il ricordo del Bologna per Fabrizio Frizzi e un breve show de Lo Stato Sociale, il gruppo bolognese arrivato secondo all'ultimo Sanremo, ultimo ritrovato del club per cercare di tamponare la recente emorragia di tifo sugli spalti.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Октябрь 2020    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031