Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Golf, Woods sfiora il successo in Florida: "Continuo a migliorare"

WASHINGTON - Tiger Woods sfiora il successo nel Valspar Championship (Pga Tour), sul percorso del Copperhead Course (par 71) all'Innisbrook Resort di Palm Harbor in Florida. L'ex numero uno del mondo arriva, infatti, secondo, con 275 (70 68 67 70, -9) colpi alla pari con Patrick Reed, alle spalle dell'inglese Paul Casey (274 - 70 68 71 65, -10), che ha rimontato dieci posizioni con un 65 (-6), miglior score di giornata, rimanendo poi in club house per oltre un'ora in attesa di sapere il verdetto. Poteva essere playoff se Patrick Reed, che era alla pari con lui dopo 17 buche, non avesse segnato un bogey alla 18 e se Woods, dopo uno spettacolare birdie alla 17, non avesse effettuato un secondo colpo troppo corto al green per sperare in un altro birdie.
FOLLA IMPAZZITA PER IL RITORNO DEL RE - Tiger Woods, che ha trascinato all'entusiasmo la folla specie quando si è dato una speranza di playoff imbucando, come detto, un putt chilometrico alla buca 17, ha lasciato l'impressione, non solo negli addetti ai lavori, che l'80esima vittoria in carriera sia stata solo rimandata. Non è mancata qualche sbavatura con il driver o anche qualche colpo al green non perfetto, ma generalmente quando ha sbagliato lo ha fatto dalla parte giusta e ha effettato quasi sempre ottimi recuperi, come testimoniano i soli tre bogey nelle ultime 54 buche.
I NUMERI - Woods, alla quinta apparizione dopo il suo rientro, ha chiuso replicando il 70 (-1, due birdie un bogey) del primo nel primo giro e ha completato il torneo con quattro turni sotto par, cosa che non gli accadeva dal 2013 (Northern Trust). Ha effettuato un giro per certi versi fotocopia del terzo con 8 fairway colti su 13 e 14 green su 18, ma la differenza l'hanno fatta i putt, 28 contro i 32 finali, numero sul quale hanno pesato alcune palle al green lontane dall'asta e un paio che hanno sbordato dopo putt praticamente perfetti. Era alla prima partenza nel Valspar Championship e sono rimasti a nove i tornei vinti nei 41 eventi in cui ha debuttato, mentre nelle 12 occasioni precedenti in cui aveva iniziato il giro conclusivo da secondo con un colpo di ritardo era andato a segno nove volte.
LE PAROLE DI WOODS - "Continuo a migliorare - ha commentato Woods, salito dal 388esimo posto al 149esimo nel ranking mondiale - e ad essere più incisivo, ma oggi non lo ero come mi sarebbe piaciuto, tuttavia ho avuto la possibilità di vincere il torneo. Due o tre putt più fortunati e sarebbe stata un'altra storia. Mi è un po' mancato il gioco con i ferri, non ne ho mai sentito la piena padronanza". Questa settimana Woods tornerà in campo nell'Arnold Palmer Invitational (15-18 marzo) dove vi sarà anche Francesco Molinari.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Июнь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930