Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Basket, ritorno amaro per Sacchetti a Sassari: Cremona va ko

SASSARI - Va al Banco di Sardegna l'anticipo dell'ora di pranzo del 21esimo turno di serie A, testa a testa importante per la rincorsa playoff. Sassari si impone per 102-86 sulla Vanoli Cremona, salendo a 22 punti in classifica (sesto posto in coabitazione con Trento e Bologna, chiamata a misurarsi più tardi con Milano) e lasciando a quota 20 i lombardi. Non solo: grazie alla tripla a fil di sirena di Pierre, i sardi ribaltano il -15 dell'andata, un punto in più che potrebbe valere molto nella lotta per l'accesso alla post season.
IL TRIBUTO A SACCHETTI E AI CUGINI DIENER - Con un anno di ritardo, Sassari tributa i giusti onori all'allenatore del 'triplete', Meo Sacchetti, osannato e premiato prima del lunch-match contro la 'sua' Vanoli Cremona, così come con grande calore vengono salutati dai tifosi isolani i due cugini Travis e Drake Diener, che hanno fatto la storia recente della squadra sarda. Nel clima di generale euforia c'è spazio anche per gli applausi a un altro ex, Darius Johnson-Odom, ma non per Federico Pasquini, bersaglio di una contestazione inspiegabile: il tecnico della Dinamo è stato fischiato al momento della presentazione della squadra.
NEL SECONDO QUARTO BOSTIC SPINGE SASSARI - Dinamo disordinatissima in avvio e la Vanoli cerca di approfittarne, arrivando sino al +5 dopo 3′: 9-4. Lentamente Sassari entra in partita e, grazie soprattutto a Pierre, mette il naso davanti all'8′, sul 20-17, chiudendo il quarto in vantaggio: 23-21. Nella seconda frazione sale in cattedra Bostic, che segna e fa segnare, dispensando triple, assist e attacchi al canestro che fruttano un break significativo: 43-29 a 15′, vantaggio che si dilata sino al +17 del 18′ (50-33). La formazione di Sacchetti esce dall'ipnosi e infila un parziale di 7-0 che le consente di limitare i danni: si va al riposo sul 50-40 per il Banco.
CREMONA AVANTI A FINE 3 PERIODO, POI I SARDI CAMBIANO PASSO - Dopo l'intervallo lungo Sassari allunga ancora, tocca +16 sul 56-40, poi però sparisce dal campo. Guidata da Drake Diener e Fontecchio, Cremona firma un quarto da 30-13 che, al suono della penultima sirena, la porta di nuovo avanti: 70-69 per gli ospiti al 30′. Nell'ultima frazione le due formazioni si rincorrono punto a punto sino a quando non salgono in cattedra Polonara, autore di un'ottima partita, Planinic, top scorer, e Spissu, ottimo in regia. Con la loro spinta i padroni di casa arrivano sino al +12 del 35′: 84-72. Sassari non corre più rischi e la vittoria numero undici in campionato è in cassaforte.
BANCO SARDEGNA SASSARI-VANOLI CREMONA 102-86

(23-21, 50-40, 69-70)

BANCO SARDEGNA SASSARI: Spissu 3, Bostic 20, Bamforth 6, Planinic 23, Devecchi ne, Pierre 13, Jones 8, Stipcevic 9, Hatcher, Polonara 20, Picarelli ne, Tavernari. Allenatore: Pasquini.

VANOLI CREMONA: Johnson-Odom 9, Martin 15, Gazzotti, Diener 5, Ricci 4, Ruzzier 5, Portannese 15, Fontecchio 12, Sims 2, Diener 15, Milbourne 4. Allenatore: Sacchetti.

ARBITRI: Paternico', Caiazza, Bartoli.

NOTE: Tiri liberi: Sassari 11/14, Cremona 19/21. Usciti per cinque falli: Bostic.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«     2018    »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930