Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Premier, il West Ham perde ancora e i tifosi invadono il campo: club rischia sanzioni

MANCHESTER - Il Manchester United batte lo storico rivale Liverpool 2-1 nella trentesima giornata di Premier League e rafforza il secondo posto. A Old Trafford la squadra di Mourinho vince 2-1 staccando i Reds di 5 punti. Ora Klopp in chiave Champions rischia il sorpasso del Tottenham e il rientro in gioco del Chelsea.
DUE VOLTE RASHFORD - A Old Trafford, con Pogba e Martial fuori, è il giovane Marcus Rashford a prendersi la ribalta, infilando i Reds per due volte dalla stessa zolla nel giro di dieci minuti, fra il 14′ e il 24′, e sempre con un destro a giro, prima sull'assist di Lukaku e poi dopo un fortunato rimpallo in area. La squadra di Klopp prova a riaprire la gara con un po' di fortuna al 66′ quando, sul cross di Manè, Bailly colpisce goffamente di tacco nel tentativo di spazzare via, ingannando De Gea. Ma il fortino eretto da Mourinho regge e lo United ora allunga a +5 sul Liverpool che rischia il sorpasso da parte del Tottenham.
LOTTA PER IL TERZO POSTO - In classifica guida sempre il Manchester City con 78 punti, 13 in più della squadra di Mourinho e 18 in più del Liverpool. La graduatoria aggiornata: Manchester City 78 punti; Manchester Utd 65; Liverpool 60; Tottenham 58; Chelsea 53; Arsenal 45; Burnley 40; Leicester 37; Watford 36; Brighton, Everton 34; Bournemouth 33; Huddersfield, Swansea, West Ham 30; Newcastle 29; Southampton 28; Crystal Palace, Stoke City 27; West Browmich 20
KLOPP: "SU MANE ERA RIGORE" - "C'era un chiaro rigore sull'intervento di Fellaini su Mane, sono situazioni in cui va presa la decisione giusta. Alla fine è tutta una questione di risultati e noi abbiamo perso", ha commentato con amarezza Jurgen Klopp, tecnico del Liverpool.
MOURINHO: "VITTORIA MERITATA" - Josè Mourinho, dal canto suo, direziona la polemica verso i commentatori che criticano la sua squadra. "Abbiamo fatto un tempo per uno ma nel primo noi abbiamo fatto gol e ci siamo resi pericolosi, nel secondo - ma forse le persone in studio la pensano diversamente - il Liverpool ha controllato la partita con la palla fra i piedi e lo United lo ha fatto senza, anche sui calci piazzati, sugli angoli, per cui penso che ci siamo meritati la vittoria. E se qualcuno la pensa diversamente, non mi interessa. Non mi importa quello che dicono gli altri, i ragazzi sono felici e io sono felice". Sull'assenza di Pogba: "Si è fatto male all'ultimo minuto della rifinitura. Se avessi chiuso l'allenamento un minuto prima, sarebbe stato della partita".
INVASIONE DI CAMPO DEI TIFOSI DEL WEST HAM - Pomeriggio agitato per i giocatori del West Ham, sconfitto per 3-0 in casa dal Burnley. I tifosi degli Hammers, storicamente molto caldi, hanno invaso più volte il terreno di gioco arrabbiati per lo scarso rendimento della squadra. Il club rischia ora un procedimento disciplinare da parte della FA. Già in settimana i tifosi del West Ham avevano manifestato contro la proprietà con una marcia in città, oggi si è andati oltre con una serie di invasioni di campo che hanno reso spezzettata la partita.
È servito l'intervento degli steward e in alcuni casi anche dei calciatori per invitare la gente ad uscire dal campo. In particolare il secondo secondo gol del Burnley, segnato da Chris Wood, ha provocato la reazione più furiosa con centinaia di fan che si sono riuniti sotto il box presidenziale per gridare cori contro la proprietà, accusata di "aver distrutto il nostro club". In particolare i tifosi ce l'hanno con i proprietari David Gold e David Sullivan per la decisione di abbandonare lo storico stadio di Eastton Park nell'East London per lo Stadio Olimpico del 2012.
CHELSEA-CRYSTAL PALACE 2-1 - Reduce da quattro sconfitte nelle ultime cinque partite, il Chelsea ritrova il sorriso grazie alla vittoria per 2-1 contro il Crystal Palace nel posticipo della 30esima giornata di Premier League. Gara decisa nel primo tempo con i Blues in vantaggio al 25' con Willian. Il raddoppio al 32' grazie ad un autogol di Kelly. Nella ripresa il Palace trova il gol della bandiera al 90' con Van Aanholt. Con questo successo Antonio Conte può tornare a respirare: il Chelsea resta al quinto posto con 53 punti a -5 dal Tottenham quarto, che ha però una partita in meno. Quarto ko di fila per il Palace, terzultimo e in piena zona retrocessione.
LE ALTRE PARTITE

- Everton-Brighton 2-0

- Huddersfield-Swansea 0-0

- Newcastle-Southampton 3-0

- West B.-Leicester 1-4
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Сентябрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930