Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Napoli, in diecimila al Meazza per riprendere la corsa scudetto. E forse ci sar? anche De Laurentiis

NAPOLI - C'è pure la matematica a dare coraggio al Napoli, che nonostante il traumatico ko di sabato scorso con la Roma continua a essere padrone della sua sorte. Facendo bottino pieno nelle ultime undici giornate di campionato, compreso lo scontro diretto di Torino contro la Juve del 22 aprile, gli azzurri avrebbero infatti ancora la certezza di piazzarsi alla fine al primo posto, sfuggendo così alla rimonta dei rivali e aggiudicandosi lo scudetto. Maurizio Sarri lo ha ricordato ai suoi giocatori prima di mettersi in viaggio per Milano, dopo una settimana di allenamenti serrati (doppie sedute per la difesa) e terapeutici, in cui la capolista (ora solamente virtuale) si è sforzata di girare subito pagina. Hamsik e compagni sanno benissimo che non si potranno opporre all'ormai probabile sorpasso dei bianconeri, attesi dal recupero di mercoledì prossimo in casa con l'Atalanta. Ma il duello al vertice resta lungo e dai tifosi è giunto un invito perentorio a risollevare la testa, che potrebbe aiutare la squadra a reagire al periodo di difficoltà.
Gli applausi di sabato sera al San Paolo, dopo la sconfitta più pesante della gestione Sarri, non sono infatti rimasti un episodio isolato. Negli ultimi due giorni sono state aperti i cancelli di Castel Volturno agli ultrà, che hanno avuto un confronto con i giocatori e li hanno invitati a lottare fino alla fine. Ma pure i tifosi faranno la loro parte, invadendo con una maxi carovana Milano. Sono infatti già stati venduti oltre cinquemila biglietti per il settore Ospiti di San Siro, dove al seguito del Napoli potrebbero essere alla fine addirittura in diecimila, compresi i tantissimi sostenitori residenti al Nord. La sorpresa dell'ultima ora, a conferma della importanza del momento, potrebbe essere la presenza in tribuna di Aurelio De Laurentiis, che raramente segue gli azzurri nelle gare in trasferta.
Ma stavolta il Napoli ha bisogno della massima compattezza, in campo e fuori. Dopo aver guidato la classifica per 27 giornate, infatti, la squadra di Sarri non intende mollare la presa proprio sul più bello e vuole giocarsi al meglio tutte le chance che gli restano. Nel delicato posticipo contro l'Inter, grazie al completo recupero di Hamsik dopo l'influenza, gli azzurri potranno tra l'altro mandare in campo la miglior formazione possibile, visto che in infermeria sono rimasti solo Ghoulam e Chiriches, non convocati. A gara in corso è pronto eventualmente a dare invece una mano anche l'attaccante Milik, che è stato fuori per quasi sei mesi per l'infortunio al ginocchio e spera ora di diventare l'arma in più degli azzurri nella volata scudetto. A San Siro però sarà fondamentale soprattutto il riscatto dei difensori, dopo l'improvviso black-out e i 4 gol subiti contro la Roma. A 11 giornate dalla fine è vietato commettere altri errori.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Декабрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31