Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Tottenham, Pochettino attacca Agnelli: "Pressioni sull'arbitro di Champions"

Tottenham, Pochettino attacca Agnelli: "Pressioni sull'arbitro di Champions"
Mauricio Pochettino (reuters)
LONDRA - Un'eliminazione che brucia ancora condita da accuse pesantissime. Mauricio Pochettino torna sulla sconfitta incassata in casa dal suo Tottenham contro la Juventus, ma più che dare spiegazioni sull'1-2 firmato Higuain-Dybala che la sua difesa ha incassato, denunciando evidenti limiti, sposta il discorso sulle presunte pressioni che la società bianconera avrebbe fatto sull'arbitro del match.
"JUVE E' SPECIALISTA" - Si tratta di accuse allo stesso direttore di gara Marciniak che, sullo 0-0, ha negato un rigore netto a Douglas Costa e che, nel finale, insieme al suo assistente non ha visto il fuorigioco di Kane che ha poi colpito il palo, sfiorando il gol del 2-2. Eppure Pochettino difende se stesso e i suoi attaccando la Juventus. "Loro sono degli specialisti, sono abituati a vincere e a mettere pressioni sull'arbitro, sono abituati ad avere il loro patron nel corridoio o nel tunnel degli spogliatoi prima della partita - ha spiegato in conferenza stampa l'allenatore argentino degli spurs -. E' un club che ha una cultura che lo porta a fare di tutto per aiutare la squadra sul campo, per noi è una lezione, contro queste grandi squadre dobbiamo imparare a giocare non solo sul campo, ma anche fuori. Poi è chiaro che giocatori come Buffon e Chiellini, che hanno grande esperienza di Champions perché la disputano ogni stagione e che negli ultimi tre anni sono arrivati due volte in finale, sono certamente un valore aggiunto".
"C'ERANO ALLEGRI E MAROTTA SEMPRE PRESENTI" - Dichiarazioni che sorprendono anche i giornalisti inglesi che chiedono di approfondire il discorso e di chiarire il suo pensiero. "Volevo solo spiegare che una grande squadra come la Juventus ci ha dato una lezione su come comportarsi, prima della gara c'era Agnelli, dopo la gara Agnelli, Marotta e altre persone - ha detto Pochettino -. Avete visto nel primo tempo come hanno messo pressione all'arbitro. Alla fine c'erano due rigori nel primo tempo, per due falli di mano, forse c'era il rigore di Vertonghen su Douglas Costa, ma alla fine le cose si bilanciano, sono piccoli dettagli che alla fine contano molto".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Сентябрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930