Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Juventus, Allegri: "A Londra possiamo vincere, guai a deprimere l'ambiente"

TORINO - Deluso per il risultato ma ancora ottimista: Massimiliano Allegri pensa di poter passare il turno nonostante il 2-2 interno con il Tottenham. "Dispiace non aver vinto stasera ma abbiamo le carte in regola per andare a Londra e trovare il successo per la qualificazione. Non sono sorpreso, loro sono tecnici e fisici, formidabili nell'attaccarti sulla palla in uscita dalla difesa. Ora noi dobbiamo pensare al campionato, c'è il derby: la Champions la rigiochiamo tra un mese, non pensavo di poter uccidere il Tottenham stasera. Sapevamo che sarebbe stato difficile e lo sarà anche a Wembley". L'allenatore non gradisce un approccio catastrofista dopo il risultato e sbotta in conferenza stampa: "Se qualcuno pensava che la Juventus avrebbe vinto 4-0 questa sera era fuori strada: bisogna avere rispetto per l'avversario, siamo in Champions e forse le due finali giocate hanno fatto male a qualcuno. Mettiamoci in testa che vincere non è normale, è straordinario. Siamo a sei scudetti consecutivi, qui basta un pareggio per avere degli sbalzi d'umore assurdi. Guai a deprimere l'ambiente per un 2-2 contro il Tottenham, sembra che si sia perso 8-0: servono dottori bravi, non uno, parecchi ma molto, molto bravi. Questa partita va messa via, bisogna guardare avanti ed essere concentrati sul campionato, altrimenti il Napoli ci scappa"
[media=https://twitter.com/OfficialAllegri/status/963541167051862016?ref_src=twsrc^tfw]

CI SIAMO ABBASSATI TROPPO - Allegri riconosce gli errori dei suoi, cercando però di non entrare nei dettagli dell'episodio della punizione del 2-2. "Non è questione di barriera o di gol preso, è stata una bella partita, siamo andati in vantaggio e abbiamo subito il ritorno del Tottenham, che ha messo pressione. Gigi ha salvato su Kane, abbiamo avuto l'occasione del 3-0. Nella ripresa non abbiamo concesso nulla, c'è la partita di ritorno e dovremo cercare di vincerla. Le difficoltà è normale trovarle contro una squadra che spinge così sull'acceleratore, ci siamo abbassati troppo e abbiamo smesso di giocare. Ci sono i meriti del Tottenham, sicuramente bisogna migliorare. Nel secondo tempo, con tre difensori più stretti e Bernardeschi e Alex Sandro esterni, siamo riusciti a risalire meglio il campo. Il calcio è strano perché oggi ci sono stati tanti episodi che potevano cambiare la partita, in un verso o in un altro".
Una partita iniziata con "sensazioni negative all'inizio" per Mauricio Pochettino, soddisfatto del pareggio e dei due gol realizzati: "Essere sotto di due gol dopo 9' contro una squadra forte come la Juventus, con tanti splendidi giocatori, è stato un pessimo inizio - prosegue il tecnico argentino -. Forse ci siamo liberati di un peso e abbiamo reagito, abbiamo confermato quanto di buono fatto nelle ultime sfide in Premier". In una sola parola "orgoglioso" della prestazione dei suoi, contento per il passo in avanti compiuto dal punto di vista mentale: "Abbiamo mostrato grande personalità contro una squadra che negli ultimi tre anni ha giocato due finali, i miei giocatori sono stati fantastici. Una partita dominata gestendo la palla e il possesso e riuscendo a rimontare. Ora pensiamo al ritorno".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Февраль 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728