Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Roma-Benevento 5-2: super Under, giallorossi in zona Champions

ROMA - La Roma scaccia via corvi e fantasmi dall'Olimpico. Dopo aver tremato per 19', piega in rimonta un volitivo Benevento e, in un sol colpo, si toglie la soddisfazione di scavalcare la Lazio nella corsa Champions e di tornare a segnare più di una rete dopo un'apatia durata 11 gare ufficiali. Non tragga in inganno il 5-2 finale. La squadra di Di Francesco ha dovuto soffrire per un'ora prima di trovare la chiave per scardinare la difesa ospite. Colpa della solita, cronica, imprecisione ma anche di una connaturata lentezza nella manovra. A spezzare in due la partita ha pensato Under con un assist e una doppietta che, di fatto, lo consacrano, attualmente, l'uomo in più della formazione giallorossa. Il Benevento ha poco da rimproverarsi. Fino a quando il risultato è stato in bilico ha con coraggio difeso e ripartito con grande sincronia e applicazione. Poi, però, quando la Roma ha messo sul piatto della bilancia il proprio tasso tecnico si è dovuto, inevitabilmente, inchinare.
DI FRANCESCO LANCIA PEROTTI TREQUARTISTA - Malgrado il recupero in extremis, Di Francesco non ha rischiato De Rossi, tenuto insieme all'altro convalescente Schick. Per cui, viste le contemporanee assenze degli squalificati Perotti e Nainggolan, ha deciso di provare il doppio esperimento Gerson regista-Perotti trequartista confermando titolare il lanciato Under. De Zerbi, dal canto suo, ha cambiato una sola pedina nella squadra sconfitta onorevolmente nel derby dal Napoli: ha piazzato in mediana Viola, preferendolo a Memushaj, al posto dell'indisponibile Cataldi.
GUILHERME GELA L'OLIMPICO - Come promesso alla vigilia, il Benevento è partito con il piglio giusto e, dopo aver fatto le prove generali con un inserimento in area del duo D'Alessandro- Guilherme, ha sbloccato il risultato (7'): Brignola ha servito in area Guilherme che, dopo un paio di finte, ha infilato l'angolino con un sinistro in diagonale cha ha superato Alisson solo grazie alla complice e decisiva deviazione col piede di Manolas.
FAZIO PAREGGIA I CONTI - La Roma si è svegliata, ha iniziato a impensierire Puggioni con El Shaarawy (2), Perotti e Dzeko (2) e al sesto tentativo ha pareggiato (26'): il gol lo ha realizzato Fazio con un perentorio stacco di testa in anticipo su una punizione-cross dalla trequarti sinistra di Kolarov. A questo punto la squadra di Di Francesco ha rallentato i ritmi, consentendo al Benevento di respirare. I padroni di casa hanno creato pericoli per lo più con altre due palle inattive (colpi di testa di poco a lato di El Shaarawy e Manolas), impegnando Puggioni in una sola circostanza prima della fine del tempo, con un diagonale sul primo palo di El Shaarawy.
UNDER INVENTA, DZEKO SEGNA - Di Francesco ha capito di dover modificare qualcosa e ha messo Under a fare il trequartista spostando Perotti nel suo naturale ruolo di esterno sinistro. Le cose non sono cambiate e allora il tecnico giallorosso ha deciso di inventare ancora: ha tolto El Shaarawy, ha messo Defrel dietro a Dzeko e e ha rispostatoUnder a destra. E così ha trovato la quadratura del cerchio. Al 59' il turco si è inventato dal nulla una progressione sulla destra, ha saltato in velocità Costa e ha pennellato un pallone per la testa di Dzeko che si è scrollato di dosso un mese di non cercata vetrina.
IL TURCO SI SCATENA: PREGEVOLE DOPPIETTA - La Roma si è mentalmente sbloccata e ha immediatamente triplicato (61') con un bel sinistro sul primo palo dello scatenato Under su assist di Perotti. In piena esaltazione, il giovane talento di S?nd?rg? ha insistito e al 75' ha realizzato la personale doppietta con un gol alla Salah: sinistro a giro sul secondo palo dal limite. La Roma si è rilassata e ha subito incassato (76') il 4-2 da Brignola, bravo ad anticipare Florenzi su un cross in girata dalla destra di Lombardi, da poco entrato al posto di D'Alessandro.
DEFREL SI SBLOCCA SU RIGORE - Di Francesco ha capito di non potersi rilassare e ha sigillato la difesa facendo entrare in campo capitan De Rossi. La Roma ha gestito con maggior calma il pallone e al 91' ha trovato il modo per mandare finalmente in gol anche Defrel a cui Dzeko ha concesso l'opportunità di calciare un rigore concesso da Manganiello per un fallo di mano di Djimsiti su un cross dalla destra di Florenzi. Chissà che dopo Under, la rete non abbia la capacità di dare una scossa anche all'ex attaccante del Sassuolo. In attesa di Schick, la Roma ne avrebbe terribilmente bisogno.
ROMA-BENEVENTO 5-2 (1-1)

Roma (4-2-3-1): Alisson, Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov, Gerson, Strootman, Under (37′ De Rossi), Perotti (44′ st Schick), El Shaarawy (11′ Defrel), Dzeko. (28 Skorupski, 18 Lobont, 5 Juan Jesus, 13 Capradossi, 53 Marcucci, 41 Bouah, 49 Riccardi). All.: Di Francesco.

Benevento (4-1-4-1) Puggioni, Letizia (27′ st Sagna), Costa, Djimsiti, Venuti, Sandro, Viola, Djuricic (33′ st Del Pinto), D'Alessandro (15 st Lombardi), Brignola, Guilherme (22 Brignoli, 29 Billong, 16 Tosca, 20 Memushaj, 26 Parigini, 11 Coda, 33 Iemmello, 25 Diabatè, 18 Gyamfi). All: De Zerbi.

Arbitro: Manganiello di Pinerolo 6.

Reti: nel pt, 7′ Guilherme, 27′ Fazio; nel st 13′ Dzeko, 18′ e 30 Under, 31′ Brignola, 47′ Defrel (rig.)

Angoli: 10 a 3 per la Roma.

Recupero: 2′ e 3′.

Var: 0.

Spettatori: 31.956 per un incasso totale di 849.133 euro.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Май 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031