Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Ciclismo Cup 2018, si parte con il Trofeo Laigueglia: nel ricordo di Michele Scarponi

Ciclismo Cup 2018, si parte con il Trofeo Laigueglia: nel ricordo di Michele Scarponi
Il ct azzurro Davide Cassani
A poco più di quattro mesi dalla vittoria di Rigoberto Uran nella Milano-Torino, la stagione italiana di ciclismo riparte. Lo fa con il 55° trofeo Laigueglia, corsa ligure vinta lo scorso anno da Fabio Felline della Trek Segafredo e prima tappa della Ciclismo Cup, l’ex Coppa Italia che regala, alla squadra vincitrice, una partecipazione certa al Giro d’Italia 2019. Nella scorsa edizione, la prima della nuova formula, ha vinto l’Androni-Sidermec-Bottecchia di Gianni Savio che anche quest’anno si presenta tra le favorite nonostante l’addio di Egan Bernal, passato al team SKY. Senza il talento del colombiano, l’Androni farà affidamento sull’esperienza del capitano Francesco Gavazzi e sulla classe di Mattia Cattaneo.
Ventidue le squadre al via del trofeo Laigueglia: la francese AG2R, unico team del World Tour in gara, sarà guidata da Hubert Dupont e dallo svizzero Silvan Dillier, mentre la Wilier Triestina Selle punta alla vittoria con Jacopo Mosca e Ilia Koshevoy. Già detto dell’Androni, c’è grande curiosità per la Nazionale italiana, diretta dal CT Davide Cassani, che si presenta con alcuni dei migliori talenti azzurri: da Moreno Moser a Gianluca Brambilla passando per Niccolò Bonifazio. Tutti con una chance di vincere.
Percorso tradizionale per la gara di Laigueglia, con qualche variazione rispetto agli anni passati. 203 chilometri con sei Gran Premi della Montagna. Quello più alto porterà gli atleti a Testico, piccolo comune in provincia di Savona, a 470 metri sul livello del mare. Non cambiano partenza e arrivo, sempre nella città ligure, ma è stato aggiunto un giro nel circuito finale, con i ciclisti che dovranno percorrere per quattro volte il tratto tra Capo Mele e Colla Micheri, una salita con il 6,2% di pendenza media. Dall’ultima discesa partirà lo sprint finale con un probabile arrivo in volata.
Durante la presentazione delle squadre, verrà aggiunta una piastrella sul famoso muretto dei ciclisti, in memoria di Michele Scarponi, atleta dell’Astana, morto il 22 aprile 2017 mentre si allenava per il Giro d’Italia.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Август 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031