Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Inter-Crotone 1-1: Barberis risponde ad Eder, i nerazzurri non sanno pi? vincere

MILANO - Appuntamento con la vittoria ancora rinviato per l'Inter. I nerazzurri pareggiano 1-1 in casa contro un ottimo Crotone: vantaggio illusorio di Eder nel primo tempo, pareggio nella ripresa di Barberis. I numeri certificano il momentaccio della squadra di Spalletti: quinto pareggio consecutivo in campionato, la vittoria manca da 10 partite e da ormai due mesi (il 5-0 di Inter-Chievo del 3 dicembre, momento in cui però si è spenta la luce). Onore al grande ex Walter Zenga, applauditissimo da tutto lo stadio e in lacrime a fine gara.
EDER SFRUTTA LA CHANCE - Spalletti è per la prima volta senza Icardi, al suo posto gioca Eder. Rispolverato terzino sinistro Dalbert. Zenga sostituisce l'infortunato Sampirisi con Faraoni, nel tridente d'attacco Nalini al posto dell'acciaccato Stoian. Dopo il minuto di silenzio per ricordare Azeglio Vicini, si inizia con l'Inter che punta sugli esterni. Perisic sembra in giornata (ma è un'illusione) e al 25′ è da un suo calcio d'angolo che Eder trova il colpo di testa vincente, con la deviazione di Faraoni, che sblocca la partita. Il vantaggio toglie la frenesia all'Inter che inizia a controllare la gara senza ricevere particolari rischi.
LUCE SPENTA - Nella ripresa il Crotone prende coraggio, anche perché l'Inter fa poco per raddoppiare. Al 60′, un'azione corale dei calabresi sfocia in un passaggio di Nalini a Trotta, la palla carambola su Borja Valero e poi su Barberis che è lesto a piazzare la palla sulla destra di Handanovic. Il pareggio dà ancora più morale al Crotone, che gioca senza paura. Il contrario dei padroni di casa e ne è l'infinità di passaggi sbagliati e una doppia occasione fallita da Perisic. Spalletti si gioca le carte Rafinha (che vivacizza la squadra), Cancelo e Karamoh ma Cordaz non viene mai impensierito.
PIOGGIA DI FISCHI - E' un film già visto da inizio campionato: l'Inter non ha un gioco, in area di rigore c'è il deserto, la panchina non può garantire ricambi a titolari già modesti e inevitabilmente il pubblico perde la pazienza. Così, finita la gara, San Siro fischia sonoramente tutti. Giustamente. Per Zenga invece, che non trattiene le lacrime, solo grandi applausi. Ora anche Spalletti, incapace di trovare soluzioni alternative ad un gioco ormai scontatissimo, finisce sul banco degli imputati.
INTER-CROTONE 1-1 (1-0)

INTER (4-3-3): Handanovic; D'Ambrosio, Skriniar, Miranda, Dalbert (28′ st Cancelo); Vecino, Borja Valer, Brozovic (31′ st Karamoh); Perisic, Candreva (18′ st Rafinha), Eder. In panchina: Padelli, Berni, López, Ranocchia, Santon, Cancelo, Emmers, Gagliardini, Pinamonti. Allenatore: Spalletti.

CROTONE (4-3-3): Cordaz Faraoni (39′ st Simic), Ceccherini, Capuano, Martella (13′ st Pavlovic); Barberis, Mandragora, Benali; Ricci, Trotta (31′ st Stoian), Nalini. In panchina: Festa, Viscovo, Ajeti, Izco, Zanellato, Rohde'n, Crociata, Simy, Budimir. Allenatore: Zenga.

ARBITRO: Orsato (Schio).

RETI: Eder al 25′ e Barberis al 60′.

AMMONITI: Eder, Benali, Mandragora e Ricci.

ANGOLI: 7 a 3 per l'Inter.

RECUPERO: 1′ e 4′.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Октябрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031