Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Nfl, Golia Brady contro Davide Foles, via al Super Bowl

Nfl, Golia Brady contro Davide Foles, via al Super Bowl
(reuters)
Golia, Tom Brady, il campione dei campioni, ha un sorriso da pubblicità, perfetto, stampato sulla faccia da consumato attore hollywoodiano e cinque anelli in una sola mano, tanti quanti i Super Bowl conquistati (record). Ha una risposta per tutto e sembra non andare mai in difficoltà. Davide, Nick Foles, ha l'aria tranquilla e gli occhialini da intellettuale, si emoziona davanti a certe domande e ha un'espressione un po' persa davanti a quel trambusto che gli gira improvvisamente attorno. Golia è il quarterback di una corazzata, i New England Patriots, all'ottava finale di quella che può ormai definirsi una autentica dinastia. Davide sostituisce un giovane fenomeno, Carson Wentz, finito in stampelle per una fuga di troppo in touchdown. Golia ha vissuto una sola stagione da leone, poi più nulla, tanto da accarezzare l'idea del ritiro prima di essere ripescato dai Philadelphia Eagles e di firmare due match di play off da urlo.
Nfl, Golia Brady contro Davide Foles, via al Super Bowl

Tom Brady, disegno di Lorenzo Ruggiero
Condividi
Nella storia dei due qb, il chiaro divario tra chi è favorito e chi veste i panni di underdog (con tale fierezza da essere arrivati sin qjui). Patriots-Eagles, a guardare i due leader offensivi e il palmares dei team (le Aquile non hanno ancora mai alzato un Vince Lombardi Throphy) ha già un chiaro vincitore nella squadra della Nuova Inghilterra. Ma lo sport, fortunatamente, è un libro pieno di sorprese e imprese impossibili e allora questo Super Bowl nel gelo del Minnesota mantiene intatto tutto il suo fascino e la sua imprevedibilità.
Nfl, Golia Brady contro Davide Foles, via al Super Bowl

Nick Foles, disegno di Lorenzo Ruggiero
Condividi
Brady ha quasi 41 primavere, una moglie invidiata da tutti, la top model brasiliana Gisele Bundchen, un conto in banca (davvero) inimmaginabile e una (ancora) feroce voglia di vincere sempre e comunque. Ha firmato rimonte assurde, anche nella finale di conference, la sua intesa con coach Belichick è perfetta. Attorno ai due ruotano, di volta in volta, comprimari trasformati in campioni. Come l'italo irlandese Amendola, fantastico nei play off. I Pats hanno la capacità di prendere gli scarti o quasi, di altri team, e di farli rendere al centouno per cento. Un meccanismo impressionante votato solamente al successo finale. Una abitudine a conseguire la vittoria che andrebbe studiata all'università. Unica vera altra stella è il gigantesco Gronkowski, reduce da un brutto colpo alla testa ma arruolato per la battaglia finale.
Nfl, Golia Brady contro Davide Foles, via al Super Bowl

Ajayi, disegno di Lorenzo Ruggiero
Condividi
Gli Eagles sono un fantastico gruppo di talentuosi underdog, unito e solidale tra loro che fa del gioco di squadra una forza assoluta. La difesa è, in questo momento, il reparto migliore, guidata da Cox e da un manipolo di scatenati giocatori capaci di fermare gli attaccanti e, ogni tanto, di andare persino a segno. L'attacco, dopo il ko di Wentz, si affida un po' meno sui lanci (anche se nella finale di conference Foles ha infilato un paio di missili terra-aria finiti in touchdown) e molto sull'alternanza corse (Ajayi, Clement, Blount) e lanci.
Nfl, Golia Brady contro Davide Foles, via al Super Bowl

Brady e Gronkowski, disegno di Lorenzo Ruggiero
Condividi
Il Super Bowl sta agli Usa come all'Italia la finale dei Mondiali di calcio. Muove un interesse e un business pazzesco. Alle stelle prezzi dei biglietti, che superano i cinquemila dollari. Star e musica nell'intervalle che è, da solo, un evento nell'evento stavolta incentrato su Justin Timberlake.
Una intera città spinge le Aquile all'impresa. Philadelphia ha un tifo caldissimo e appassionato. Ma i Pats di B-B sono ormai leggenda. Vedremo se Golia non si farà abbattere da Davide. Oppure se la storia degli underdog diventerà, a sua volta, una piccola grande leggenda.
Giovanni Marino

@jmarino63

g.marino@repubblica.it
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Август 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031