Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Basket, Nba piange scomparsa Rasual Butler, vincono Boston e Cleveland

WASHINGTON - Il basket americano piange la scomparsa dell'ex giocatore Rasual Butler, deceduto insieme alla moglie, la cantante canadese Leah LaBelle, in un incidente stradale. L'ex San Antonio Spurs, che si ritirò al termine della stagione 2015-2016 e che aveva 38 anni, secondo fonti della polizia di Los Angeles avrebbe perso il controllo della sua Range Rover. In carriera aveva vestito le maglie di Miami Heat, New Orleans, Clippers, Chicago, Toronto, Indiana, Washington e Spurs. Alcuni ex compagni come Pau Gasol e Paul Pierce, hanno espresso il loro cordoglio sui social, mentre i Pacers lo hanno ricordato come "un professionista esemplare per etica e comportamento, un esempio per i giovani".
VITTORIE PER BOSTON E CLEVELAND - Passano così in secondo piano le vittorie di Boston e Cleveland. I Celtics (37-15) dilagano in casa contro i malcapitati New York Knicks (23-29) anche senza Kyrie Irving, fermato per una botta al quadricipite destro: 103-73. Al TD Garden a prendersi la scena è proprio il sostituto della stella dei Green, Rozier che cala la tripla doppia alla sua prima apparizione in 3 anni di Nba da titolare: 17 punti, 11 rimbalzi e 10 assist. I Cavaliers (30-20), invece, battono Miami (29-22) 91-89, con LeBron James miglior realizzatore con 24 punti, ma anche 11 rimbalzi e 5 assist. Alla prima gara senza Love, out due mesi per una frattura alla mano, Cleveland vince al termine di una gara tiratissima e decisa nel finale da Crowder.
Basket, Nba piange scomparsa Rasual Butler, vincono Boston e Cleveland

Belinelli in azione
Condividi
BELINELLI C'E', ATLANTA NO - Marco Belinelli regala una grande prestazione, ma agli Atlanta Hawks (15-36) non bastano ne' i suoi 22 punti ne' i 25 di Bazemore per evitare la sconfitta interna con Charlotte (21-29) che si impone 123-110. L'azzurro, contro la sua ex squadra, in 25 minuti di gioco mette a referto anche tre assist, in doppia cifra per Atlanta pure Schroder (13 punti e 9 assist), Collins (12) e Ilyasova (11), ma a fare la differenza nel successo degli Hornets e' Kemba Walker che trascina i suoi con 38 punti, mentre sono 20 quelli di Howard.
LE ALTRE SFIDE - Nelle altre gare della notte successo dei Portland Trail Blazers (29-22) che battono Chicago (18-33) 124-108. Grande protagonista del match C.J. McCollum che entra nella storia del suo team mettendo a referto 28 punti nel primo quarto (mai nessuno c'era riuscito finora) e chiude con 50 punti in 29 minuti di gioco, restando in panchina nell'ultimo quarto. Troppo per i Bulls nonostante i 23 punti di LaVine. Vittorie anche per i Brooklyn Nets (19-33) per 116-108 contro i Philadelphia 76ers (24-24) e per gli Indiana Pacers (29-23) che si impongono 105-101 sui Memphis Grizzlies (18-32). Chiudono i successo di Orlando (15-35) sui Los Angeles Lakers (19-31) col punteggio di 127-105 e di Phoenix (18-34) su Dallas (16-36) per 102-88.

I RISULTATI - Indiana Pacers-Memphis Grizzlies 105-101; Orlando Magic-Los Angeles Lakers 127-105; Atlanta Hawks-Charlotte Hornets 110-123; Brooklyn Nets-Philadelphia 76ers 116-108; Cleveland Cavaliers-Miami Heat 91-89; Boston Celtics-New York Knicks 103-73; Portland Trail Blazers-Chicago Bulls 124-108; Phoenix Suns-Dallas Mavericks 102-88.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Август 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031