Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Tennis, l'Australian Open dei grandi rientri. Nadal: "Zero match ufficiali ma ora sto bene"

MELBOURNE - Potrebbe essere definito lo Slam dei grandi rientri. Già, perché gli Australian Open'' al via lunedì a Melbourne, oltre ad una serie di assenze eccellenti (Andy Murray e Kei Nishikori in primis nel maschile, la campionessa 2017 Serena Williams tra le donne), segnano il ritorno nel circuito di alcuni dei big, a cominciare da Rafa Nadal, Stan Wawrinka e Novak Djokovic. Dunque non sono poche le incognite sulle condizioni di questi campioni. Però il 31enne spagnolo numero 1 del mondo conserva un certo ottimismo in vista del Major down under dove farà di fatto il suo esordio stagionale. "Non mi era mai capitato di arrivare agli Australian Open senza aver disputato nemmeno un match ufficiale, è una situazione nuova per me ma sto bene", sottolinea Nadal che ha dovuto rinunciare ad Abu Dhabi e Brisbane per i problemi al ginocchio destro che si portava dietro da fine 2017, limitandosi a giocare solo un paio di esibizioni in settimana, cedendo in due set a Gasquet al "Kooyong Classic" e prendendo poi parte al "Tie-Break Tens". "Ma sento che sto giocando più o meno bene - ha assicurato il numero uno del mondo, che nello Slam australiano debutterà lunedì contro il dominicano Víctor Estrella Burgos - Tutti cominciano da zero e lo stesso vale per me, è una nuova ed entusiasmante stagione: spero di stare in salute e divertirmi".
Tennis, l'Australian Open dei grandi rientri. Nadal: "Zero match ufficiali ma ora sto bene"

Novak Djokovic
Condividi
DJOKOVIC: "SPERO AL 100% PER INIZIO TORNEO" - "Non sono guarito al 100% ma sono a un livello tale da poter competere". Novak Djokovic si presenta agli Australian Open con tante incertezze dopo essere rimasto fermo per sei mesi per un problema al gomito. Il suo ultimo incontro ufficiale risale allo scorso luglio, alla sconfitta nei quarti di Wimbledon contro Berdych, poi un paio di esibizioni a inizio anno e la scelta di andare a Melbourne presa in extremis. "Ogni giorno va meglio, spero di essere al 100% per l'inizio del torneo, poi non so come andrà, dopo sei mesi fuori non puoi mai sapere come reagirai", confessa il serbo, che ha cominciato a lavorare con Radek Stepanek e ripreso la collaborazione con Andre Agassi. "Sento di spendere meno energie e di essere più efficiente, non vedo l'ora di provare il mio nuovo servizio - ha aggiunto il 30enne di Belgrado, per sei volte vincitore a Melburne Park e inserito nella parte di tabellone che lo vede con Monfils e Zverev - Il fuoco, la passione, l'amore per il tennis c'è ancora, mi sento ancora giovane dentro".
QUALIFICAZIONI: BERRETTINI, SONEGO E CARUSO AL TURNO DECISIVO - Lorenzo Sonego e Salvatore Caruso raggiungono Matteo Berrettini al turno decisivo delle qualificazioni degli Australian Open, primo Slam del 2017, un po' rallentate dalla pioggia che sta cadendo su Melbourne da un paio di giorni. Il 22enne di Torino, numero 214 Atp, nel match che vale l'accesso al tabellone principale sfiderà domenica l'australiano Bernard Tomic, numero 143 del ranking mondiale e 29esima testa di serie delle qualificazioni, mentre il 25enne siciliano di Avola, numero 206 Atp, si giocherà un posto nel main draw con il francese Mathias Bourgue, numero 161 del ranking, che ha eliminato il Next Gen statunitense Taylor Fritz, numero 105 Atp e prima testa di serie delle "quali". Quanto a Berrettini, il 21enne romano, numero 127 del ranking mondiale e ventesima testa di serie, affronta lo statunitense Denis Kudla, numero 176 Atp, incontro che mette in palio l'ingresso al tabellone principale del torneo. Si sono fermati al secondo turno invece Stefano Napolitano e Alessandro Giannessi.
Tennis, l'Australian Open dei grandi rientri. Nadal: "Zero match ufficiali ma ora sto bene"

Bautista Agut festeggia la vittoria a Auckland
Condividi
AUCKLAND: BAUTISTA AGUT BATTE DEL POTRO IN FINALE - Roberto Bautista Agut vince un'altra battaglia e si porta a casa il settimo titolo della carriera. La finale dell'"ASB Classic", torneo Atp 250 dotato di un montepremi di 501.345 sui campi in cemento di Auckland, in Nuova Zelanda, premia il 29enne tennista spagnolo, numero 21 della classifica mondiale e quinto favorito del seeding, che dopo oltre due ore riesce a piegare Juan Martin Del Potro, numero 12 Atp (da lunedì tornerà in top ten) seconda testa di serie: 6-1 4-6 7-5 il finale. "E' stata una settimana fantastica, ho dato tutto quello che avevo. Oggi è stato un match incredibile, ho lottato tantissimo e ho giocato due game fantastici a fine incontro", le parole di Bautista Agut, alla terza finale vinta di fila dopo quella dello scorso anno di Chennai e Winston-Salem.
Tennis, l'Australian Open dei grandi rientri. Nadal: "Zero match ufficiali ma ora sto bene"

Danil Medvedev
Condividi
A SYDNEY ROMPE IL GHIACCIO IL RUSSO MEDVEDEV - La favola di Daniil Medvedev conosce il lieto fine. E' il 21enne russo, giustiziere di Fabio Fognini in semifinale, ad aggiudicarsi il "Sydney International", torneo Atp 250 dotato di un montepremi di 468.910 dollari sui campi in cemento di Sydney, uno dei due appuntamenti che precedono il primo Slam del 2018. Medvedev, numero 84 Atp e passato attraverso le qualificazioni, si è imposto in finale sul 18enne australiano Alex de Minaur per 1-6 6-4 7-5, conquistando così il suo primo titolo in carriera.
Tennis, l'Australian Open dei grandi rientri. Nadal: "Zero match ufficiali ma ora sto bene"

Angelique Kerber
Condividi
WTA SYDNEY: KERBER TORNA AL SUCCESSO, 11° TITOLO - Angelique Kerber è tornata. Dopo un 2017 da dimenticare, la tedesca comincia la stagione col piede giusto e si aggiudica il "Sydney International", torneo Wta Premier con un montepremi di 733.900 dollari in corso sul cemento della metropoli australiana, uno degli ultimi due appuntamenti prima degli Australian Open. Eliminata Camila Giorgi in semifinale, la Kerber regola con un doppio 6-4 l'australiana Ashleigh Barty portando a casa l'11esimo titolo della carriera, il primo dopo quasi un anno e mezzo di attesa: era dagli Us Open 2016 che la 29enne tedesca non riusciva a imporsi in un torneo del circuito maggiore, da allora solo la finale persa a Monterrey nell'aprile scorso.
Tennis, l'Australian Open dei grandi rientri. Nadal: "Zero match ufficiali ma ora sto bene"

Elise Mertens
Condividi
MERTENS CONCEDE IL BIS AD HOBART - Elise Mertens si aggiudica l'"Hobart International", torneo Wta International dotato di un montepremi di 250mila dollari che si disputa sui campi in cemento della città della Tasmania (Australia). La belga, seconda testa di serie, ha sconfitto per 6-1 4-6 6-3 la rumena Mihaela Buzarnescu, alla sua prima finale nel circuito maggiore. Per la 22enne belga si tratta del secondo titolo in carriera dopo quello conquistato, sempre a Hobart, un anno fa.
SEPPI VINCE IL CHALLENGER DI CANBERRA - Andreas Seppi ha vinto l'"East Hotel Canberra Challenger", torneo challenger Atp dotato di un montepremi di 75mila dollari disputato sui campi in cemento della capitale dell'Australia. In finale il 33enne di Caldaro, numero 87 del ranking mondiale e settima testa di serie ha superato in rimonta con il punteggio di 5-7 6-4 6-3, dopo due ore e 16 minuti di gioco, l'ungherese Marton Fucsovics, numero 85 Atp e sesta testa di serie. Per Seppi è l'ottavo titolo nel circuito challenger, in 11 finali disputate: una buona iniezione di fiducia in vista degli Australian Open, al via lunedì.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Июль 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031