Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Napoli, De Laurentiis incontra Sarri per il rinnovo: "Verdi o Deulofeu? Decide il tecnico''

Napoli, De Laurentiis incontra Sarri per il rinnovo: "Verdi o Deulofeu? Decide il tecnico''
Simone Verdi (agf)
NAPOLI - Un mercato orientato non solo alle necessità immediate, ma anche e soprattutto in prospettiva. E' quello che ha intenzione di condurre il Napoli in questa finestra di gennaio, secondo quanto afferma il suo presidente Aurelio De Laurentiis, che fa un po' il punto della situazione sulle strategie della capolista del massimo campionato. Tutto ciò mentre Zinedine Machach si è sottoposto alle visite mediche a Roma. Il centrocampista francese di origine algerina si è svincolato dal Tolosa e ha firmato un contratto fino al 2022. Machach si metterà a disposizione di Sarri, che lo studierà prima della fine della finestra invernale di mercato e deciderà poi se tenerlo o avallare il prestito a un'altra squadra di A o B.
[media=https://twitter.com/ADeLaurentiis/status/951510733526831105?ref_src=twsrc^tfw]

INCONTRO CON SARRI - Il patron azzurro ha fatto un blitz a Figline Valdarno, il rifugio del tecnico nei periodi di ferie. Sul tavolo di discussione la situazione contrattuale: Sarri ha firmato fino al 2020 ma ha una clausola rescissoria da otto milioni valevole da giugno: Il tecnico in caso di offerta da una superbig d'Europa potrebbe dunque liberarsi, mentre De Laurentiis vorrebbe tenerselo stretto. Questo il motivo del viaggio toscano in cui Sarri e De Laurentiis hanno parlato anche di un possibile adeguamento dell'ingaggio, attualmente fermo a circa 1,5 milioni a stagione. "Sono stato da lui. Sei ore in perfetta armonia, bevendo tanto vino rosso" ha confermato De Laurentiis.
DE LAURENTIIS: "VERDI O DEULOFEU? FINALIZZATORE E' SARRI" - "Il Napoli lavora pensando sia al presente che al futuro: Machach è un giovane di prospettiva scelto personalmente da Giuntoli. Non bisogna mettersi una medaglia al collo per ogni acquisto che facciamo perché a volte ci siamo sbagliati e a volte abbiamo preso decisioni giuste - conferma il massimo dirigente del club azzurro ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli, parlando anche degli obiettivi per l'attacco, con le priorità rappresentate da Verdi o Deulofeu - Dobbiamo essere attenti agli innesti da comprare perché devono rispettare i canoni sarriani. Sarri è il finalizzatore delle nostre decisioni per gli acquisti immediati e non prospettici. E' lui che può valutare se un giocatore è già pronto nell'immediato e se può fare al caso nostro già nei prossimi mesi. Noi siamo multietnici. Non si è mai da soli a decidere e bisogna considerare anche gli interessi dei club, famiglie e paure dei calciatore di non giocare nel contesto sarriano. Verdi sarebbe lo spartito più idoneo perché è già stato allenato da Sarri mentre Deulofeu sarebbe più un salto nel buio. I rientri di Ghoulam e Milik? Si possono fare mille ipotesi, ma non bisogna escludere nulla visto che entrambi scalpitano per rientrare. Ghoulam può recuperare prima di Milik, ma bisogna aspettare i pareri definitivi dello staff medico per conoscere le date precise del loro ritorno in gruppo".
"IN PALLONE ITALIANO C'E' UN CAOS CONTINUO" - Nel corso dell'intervista radiofonica De Laurentiis si è soffermato anche sulla situazione del calcio italiano a meno di venti giorni dall'elezione del presidente della Figc. "C'è un caos continuo e a volte si può crescere tramite un caos, ma a volte bisogna fermarsi. In Italia piace recitare parti che non competono, se togli il giocattolo a qualcuno può arrabbiarsi e morderti la mano", il parere del proprietario del Napoli.
AGENTE GIACCHERINI: "NON GIOCA MAI, LASCIA IL NAPOLI" - Intanto sul fronte cessioni è praticamente certa la partenza di Emanuele Giaccherini, uno dei rinforzi che sogna il Crotone. "Sicuramente lascerà il Napoli. Ad agosto lo voleva la Fiorentina ma l'hanno ritenuto incedibile, ora non credo lo sia essendo diventato il diciannovesimo cambio - ha sottolineato a Premium Sport il procuratore Furio Valcareggi - Con il pieno accordo di Giuntoli, Sarri e De Laurentiis andremo via con grandissima simpatia. Siamo stati bene al Napoli ma c'è stato un equivoco sul ruolo e non ha più giocato dopo gli Europei del 2016. Emanuele ha ancora un'onda buona, non ha perso un grammo della sua utilità ed è ancora molto considerato. A gennaio trovare un giocatore come Giaccherini non è così frequente perché è integro, in questo anno e mezzo si è allenato come se fosse un titolare ed è pronto a giocare". Sulle richieste di Atalanta o Chievo ecco le parole dell'agente: "L'Atalanta ci piace tantissimo ma non ho avuto contatti con loro. Con il Chievo c'è stato qualcosa ma ora temo che il Chievo abbia un po' il timore di dare via Inglese perché la classifica non è tranquillissima e con loro magari ci potrebbe essere un accordo per l'estate. Il Torino? Con il Torino non mi sono comportato bene, devo ammetterlo. Noi con il Toro avevamo sottoscritto un contratto di tre anni per Giaccherini. In quel momento però mi ha chiamato il Napoli dicendo che volevano Giaccherini a tutti i costi e abbiamo scelto gli azzurri. Questa cosa la dico a Petrachi e al presidente Cairo che ora si rifiutano di parlare con me, ma devono sapere che su 10 procuratori che firmano un contratto col Torino e poi chiama il Napoli, 11 decidono di andare al Napoli. Mi sembra quindi un po' azzardato che Petrachi e Cairo vogliano moralizzare il calcio perché nel calcio il moralizzatore ancora deve nascere".
BENEVENTO VUOLE SEPE MA E' INCEDIBILE - Situazione opposta invece per il portiere Sepe, che ha alcune richieste nella massima serie e piace molto al Benevento. "Vigorito mi chiamò un mese fa chiedendomi di Sepe, ma il Napoli non lo cede. Sono arrivate richieste da almeno altre 2 squadre di A, di buona classifica, ma il ragazzo resterà a Napoli almeno fino a giugno e poi vedremo - spiega ai microfoni di Radio Crc, Mario Giuffredi, procuratore anche di Hysaj - Quanto vale Hysaj? Dicono 70 milioni, ma non credo anche perché, se così fosse, De Laurentiis avrebbe sbagliato a mettere quella clausola. Non credo che il Napoli prenderà un terzino a gennaio, immagino che verrà solo uno tra Verdi e Deulofeu. Poi, a giugno vedremo come andrà a finire con Ghoulam e se dovesse andare via, il Napoli andrà sul mercato".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Апрель 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30