Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Dakar: Peterhansel domina, ritiro per Villas Boas e Loeb. Moto, il ritorno di Barreda

Dakar: Peterhansel domina, ritiro per Villas Boas e Loeb. Moto, il ritorno di Barreda
Stephane Peterhansel in azione (afp)
AREQUIPA - Joan Barreda l'altro pomeriggio lo davano per spacciato, ma la Dakar non è finita fino a quando non è finita. Lo spagnolo si è aggiudicato la quinta tappa della corsa, raggiungendo dalla costa peruviana di San Juan de Marcona la città di Arequipa, a 2.350 metri di altitudine. Con la sua Honda ha preceduto di 10 minuti e 26 secondi un altro dei favoriti, l'austriaco Matthias Walkner su Ktm. Terzo l'argentino Kevin Benavides (Honda), poi Antoine Meo (Ktm) e finalmente il francese Adrien Van Beveren, che con la sua Yamaha ha accusato un ritardo di 14 minuti e 35 secondi e adesso mantiene la leadership della corsa ma solo con un minuto di vantaggio su Benavides. Anche Walkner è vicinissimo, a un minuto e 14 secondi, mentre Barreda è quarto a 7 minuti e 33". Ancora una buona prova per il bresciano Alessandro Botturi, migliore degli italiani e 26° a 36 minuti e 39 secondi da Barreda. L'ex rugbista di Lumezzane al termine della lunghissima tappa (770 km di cui 264 di speciale) migliora in classifica e sale al 22° posto, a più di un'ora dei migliori.
Due ritiri eccellenti, lasciano Villas Boas e Loeb - La prima Dakar di André Villas Boas è terminata dopo che la sua Toyota del team Overdrive è decollata su una duna di sabbia. L'ex tecnico di Porto, Chelsea e Tottenham, 40 anni, è stato ricoverato in ospedale per controlli alla schiena, a seguito del duro atterraggio, così come il suo co-pilota, Ruben Faria. Con un messaggio su Instagram, Villas Boas ha rassicurato sulle condizioni di entrambi: "Siamo saltati giù da una duna e ci siamo schiantati. La Dakar purtroppo è finita per noi". Gli esami hanno escluso fratture. Al momento dell'incidente l'equipaggio era in 43/a posizione. Anche Sebastian Loeb è stato costretto al ritiro dopo un infortunio al suo co-pilota. Il sogno del nove volte campione del mondo rally di vincere il suo primo titolo al Dakar al terzo tentativo è finito dopo che la sua auto si è impantanata nella sabbia durante la tappa da San Juan de Marcona a Arequipe in Perù. La macchina di Loeb è rimasta bloccata nella sabbia due volte, con un camion che è stato costretto ad aiutarlo ad uscire da un buco e che gli è costato quasi tre ore. Ma è stato l' infortunio subito dal co-pilota Daniel Elena che ha costretto alla fine Loeb a porre fine prematuramente alla sua Dakar.
Sainz insegue Peterhansel - Nella novità la (paradossale) notizia è la prima vittoria del francese Stephen Peterhansel, che con la sua Peugeot 3008 DKR ha la meglio su due rivali del "Dream Team" Toyota: l'olandese Berhard Ten Brinke è secondo a 4 minuti e 52 secondi, il sudafricano Giliel De Villiers terzo a 12'47". Favoritissimo, vincitore nel passato di già 13 Dakar tra auto e moto, Peterhansel era in testa alla classifica: con questo successo consolida il suo primato sul compagno di squadra lo spagnolo Carlos Sainz (oggi quarto) che insegue a 31'16". Molto più lontano Ten Brinke, che perde oltre un'ora e un quarto, e il principe Al-Attiya - oggi quarto -, in ritardo di un'ora e 23 minuti.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Январь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031