Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Milan, Gattuso: "Dopo i miei primi 40 anni vorrei essere meno incazzoso..."

MILANO - Non sa ancora dove festeggerà il suo 40° compleanno domani perché "perché in casa comandano le donne, decideranno mia moglie e i bambini". Gennaro Gattuso racconta la vigilia di questo giorno speciale (è nato il 9 gennaio 1978) nel corso di un'intervista concessa ad Ansa, Mediaset Premium e Milan Tv. "Mia moglie Monica sicuramente sbaglia meno di me, io non sono un calcolatore", dice l'allenatore del Milan ricordando un episodio di due anni fa: "Nel 2016 avevo firmato un precontratto con la nazionale del Kazakistan ma nelle precedenti esperienze a Creta e Sion la mia famiglia non si era trovata bene, quindi ho portato Monica ad Astana, ha provato le temperature rigide e ho capito che era meglio fare un passo indietro".
OLTRE QUESTA STAGIONE - Adesso l'orizzonte è molto più vicino: Milanello a due passi da Gallarate, la città dove l'ex mediano vive e ha le sue attività imprenditoriali. Una situazione che Gattuso spera di prolungare per lungo tempo: "E' riduttivo dire che voglio restare allenatore del Milan fino al termine di questa stagione. La nuova società ha investito moltissimo. Mi ha dato grande responsabilità e fiducia, da parte mia c'è grande rispetto e farò di tutto per continuare. Ma non voglio essere un peso per il Milan, anzi. Sono l'ultimo problema. È normale che mi piacerebbe continuare, mi sento a casa mia, con ancora più responsabilità nei confronti del club rispetto a quando giocavo. So che in questo momento bisogna fare risultati".


MENO ARRABBIATURE
- La vittoria col Crotone ha aiutato ad affrontare la sosta con maggiore serenità anche se il Milan è ancora a metà classifica: "La squadra mi ha fatto un bel regalo ma la strada è ancora lunga. Ora i giocatori si godano questa settimana di riposo: è un gruppo che lavora bene e mi dà tanto, speriamo non perdano questa caratteristica". Gattuso ha un proposito per i suoi 40 anni: "Vorrei essere meno focoso, meno incazzoso, più calmo: sembra che mi diverta ma faccio fatica. Mia moglie dice che sono un pazzo da rinchiudere". Conseguenza del nuovo mestiere: "È molto meglio la vita da calciatore, mi divertivo di più. Da cinque anni faccio questo mestiere, e sento più pressioni, più responsabilità, soprattutto quando sono in panchina a San Siro e le cose non vanno bene".
COINVOLGERE TUTTI - Gattuso è felice per il traguardo raggiunto: "Allenare il Milan a 40 anni mi riempie di orgoglio. Oggi ho grandissima voglia di fare questo mestiere, mi fa sentire vivo e ho voglia di migliorarmi. Sono in una grandissima società. Fino a 6 mesi fa non potevo pensare di avere un'occasione così. Può succedere anche che fra tre anni mi scoccio e non alleno più. Quando inizio a non sentirmi bene con me stesso mi spengo come un cerino. A 30 anni non avevo nessuna voglia di fare l'allenatore, mi è scattata a 33-34, quando ho avuto il problema agli occhi". Gattuso vuole coinvolgere tutti i componenti della rosa: "Sto gestendo i giocatori per cercare di coinvolgerli tutti, serve dare minutaggio a tutti. E anche i giocatori più forti devono rincorrere l'uomo". Complimenti a Cutrone: "E' acerbo, ma assomiglia a Pippo Inzaghi. Ha le sue stesse movenze e il suo stesso veleno". E il riconoscimento ad Ancelotti: "Per me non è stato solo un allenatore ma anche fratello, amico e papà: è stato tutto. Nei momenti di debolezza ci appoggiavamo a vicenda, tuttora abbiamo un rapporto incredibile".
I NUOVI ACQUISTI NON PARTONO - A proposito di gruppo, il Milan sul suo sito comunica che durante questa sessione di gennaio non sarà ceduto nessun giocatore acquistato in estate: "Con le rispettive caratteristiche, André Silva e Borini sono considerati due importanti punti di riferimenti della rosa del Milan. La loro ulteriore valorizzazione e il consolidamento di tutti i giocatori approdati a Milanello dopo il mercato estivo, sono le priorità in questo momento nevralgico del lavoro di Rino Gattuso che, dopo la sosta invernale, entrerà nel vivo". Il club rossonero annuncia la firma di un accordo di partnership pluriennale con Vwin, azienda di scommesse online asiatica. Vwin fa parte del gruppo Wilshire Worldwide ed è stata fondata nel 2013.
BERLUSCONI NEGA RITORNO - Intanto Berlusconi ribadisce che non ricomprerà il Milan: "Non voglio illudere nessuno - dice nel corso di un'intervista al Foglio - è stata una scelta dolorosa ma necessaria e definitiva, anche se il Milan continuerà a occupare nel mio cuore il posto che ha sempre avuto".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Апрель 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30