Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Dakar, seconda tappa: vince Despres, Al-Attiya perde terreno

Dakar, seconda tappa: vince Despres, Al-Attiya perde terreno
(reuters)
PISCO - La rivincita delle Peugeot è subito arrivata, con una seconda tappa - il 90% di fuori pista tra le incredibili dune sabbiose di Pisco - che ha visto trionfare Cyril Despres davanti al compagni di squadra Stephen Peterhansel e Sebastien Loeb, che al termine della prova (267 km) è apparso il più soddisfatto di tutti: il 9 volte campione del mondo di rally (ma sempre sconfitto alla Dakar: questa è la sua ultima occasione) non ha perso di vista il resto della squadra, sicuramente più a suo agio su questo terreno, e punta a rifarsi nella seconda parte della manifestazione. "Però oggi è stato davvero complicato", ammette Loeb. "In due o tre occasioni stavamo per perdere la strada, a volte seguire le tracce degli altri può essere un grave errore. L'obiettivo era non perdere troppo terreno dagli altri in queste tappe, per fortuna ci stiamo riuscendo".
Il principe perde tempo E' stato un en plein francese, con il sudafricano Giniel De Villiers subito fuori dal podio e primo delle Toyota. Poi la Mini dell'argentino Orlando Terranova e un'altra 3008 DKR, quella dello spagnolo Carlos Sainz, molto attardato. Oggi è andata meno bene al principe Nasser Al-Attiya, che ha accusato un ritardo di quasi un quarto d'ora ed è stato superato anche dal finlandese Mikko Hirvonen (Mini). La classifica è stata rivoluzionata e adesso naturalmente premia le Peugeot: primo Despres, poi il campione in carica (e 13 volte vincitore del rally) Peterhansel a 27 secondi, quindi De Villiers che accusa già un gap considerevole (5 minuti 44 secondi), poi Loeb a 6'09" e 5° posto per il principe Nasser a 12'15". Ottavo Carlos Sainz, decima la Toyota dell'olandese Ten Brinke. Un'altra bella prova per l'italiano Eugenio Amos con la 2WD Buggy Smg, che ha chiuso 15° a 25 minuti e 51 secondi: Amos, nato in Canada e marito di Margherita Missoni, ora in classifica è 14° a 26'47" da Despres.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Октябрь 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031