Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Juventus, Higuain: "Con l'Inter partita durissima. Icardi? Non ? solo sfida tra noi 2"

Juventus, Higuain: "Con l'Inter partita durissima. Icardi? Non ? solo sfida tra noi 2"
Gonzalo Higuain (ansa)
TORINO - Il derby nel derby. Quello d'Italia, tra Juventus e Inter, e quello dei bomber argentini tra Higuain e Icardi. Non sarà un sabato sera normale per il calcio italiano: per una volta ad inseguire sarà la Juve, stesso destino che tocca a Higuain nella corsa al trono dei bomber. Merito dello splendido inizio di stagione dei nerazzurri di Spalletti, ancora imbattuti in campionato esattamente come il Napoli la scorsa settimana: "Avversario ostico, duro, con un grande allenatore e lo sta dimostrando - si sbilancia Higuain ai microfoni di Sky Sport -, sarà una battaglia e speriamo di prendere questo primato e aspettare il risultato di Napoli". Per tornare a respirare l'aria della vetta non basterà vincere con l'attuale capolista, distante due punti, ma servirà ricevere un favore dalla Fiorentina, ospite al San Paolo. "Ma speriamo di fare una grandissima partita e portare questi tre punti fondamentali per lo scudetto" specifica il Pipita, consapevole che spesso i tre punti passano in secondo piano al cospetto dei contraccolpi psicologici nella corsa scudetto. Sul duello con Icardi, dice: "Non giocano solo due calciatori. Ne giocano 22, più quelli che entrano dalla panchina. Quindi la partita si vince con il gruppo. Ovviamente spero accada alla Juve".
MAI IN GOL - Da quando è in Italia il Pipita ha colpito cinque volte l'Inter: quattro volte in campionato, una in Coppa Italia. Mai con la maglia della Juventus. Nelle due partite disputate lo scorso anno in bianconero, Higuain non è mai andato a segno: all'andata il centravanti argentino iniziò addirittura in panchina, prendendo il posto di Mandzukic al 74' nella sconfitta per 2-1 che salvò, momentaneamente, la panchina di De Boer. A più di un anno di distanza il momento delle due squadre è completamente diverso: "Sarà una partita durissima, contro un'avversaria che sta bene. Noi contro il Napoli siamo riusciti a chiudere la partita senza subire gol - è la testimonianza del cambio di mentalità della Juventus -, una missione che contro i partenopei, per giunta al San Paolo, è praticamente impossibile da portare a termine".
SCUDETTO E CHAMPIONS - Tra gli appuntamenti decisivi del mese di dicembre, dopo il passaggio del turno in Champions e la serie di scontri diretti in campionato, anche il sorteggio di Nyon, che presenterà la prossima avversaria europea della Juve: "Poco importa chi sarà il nostro avversario - ruggisce Higuain - in Champions, alla fine, devi essere il più forte di tutti e noi siamo convinti anche quest'anno di poter fare bene".
IL PASSATO AZZURRO - Il futuro prossimo si chiama Inter, il passato che sta diventando sempre più remoto è il Napoli: una parentesi indimenticabile della carriera del Pipita. "I tifosi del Napoli sono stati fantastici, non cambierò mai idea - ha concluso Higuain, tornando anche sui fischi che l'hanno accolto venerdì scorso -: ognuno è libero di esprimere il proprio dissenso come vuole".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Декабрь 2017    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031