Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Sampdoria-Lazio 1-2: Caicedo al 91' ribalta i blucerchiati

GENOVA - Scudetto? C'è anche la Lazio. I biancocelesti espugnano il Ferraris dove la Sampdoria non aveva mai perso quest'anno e si portano a 2 punti dalla zona Champions, a 7 dall'Inter capolista con ancora una partita da giocare. Colpo grosso della squadra di Inzaghi che vince 2-1 con un gol in pieno recupero di Caicedo e porta a sei le lunghezze di vantaggio proprio sui blucerchiati che restano in sesta piazza, inseguiti da un bel gruppetto di pretendenti all'ultimo posto per l'Europa, tra questi Fiorentina, Milan e Atalanta.
MINUTI FINALI DECISIVI - Bellissima partita a Marassi, preparata benissimo dai due allenatori. Difficile dire chi davvero meritasse i tre punti, perché per impegno, occasioni e voglia di vincere, il pareggio sarebbe stata la scelta più giusta. Ha vinto la squadra che probabilmente ci ha creduto di più, con l'uomo che meno ti aspetti: Caicedo. E pensare che Giampaolo aveva iniziato a capire che la gara gli stava sfuggendo di mano già prima del pareggio di Milinkovic-Savic. Ma l'inconsueto "balletto" nell'area tecnica e i cambi non sono serviti al tecnico per tenere alta la concetrazione dei suoi che negli ultimissimi minuti hanno peccato di lucidità.
TANTE EMOZIONI, ZERO GOL - Primo tempo emozionante al Ferraris dove Samp e Lazio si affrontano a viso aperto dando vita a una bella partita. Parte subito forte la squadra di Giampaolo che, pur non impegnando mai Strakosha, va più volte al tiro, ma l'azione più ghiotta capita sulla testa di Parolo quando Lulic dalla sinistra crossa sul secondo palo trovando il compagno: l'incornata esce di un soffio. La Lazio ci prende gusto e sugli sviluppi di un corner sfiora il vantaggio con un gran destro di Immobile. Dall'altra parte conclusione centrale di Barreto respinta con i pugni da Strakosha. Le emozioni sono costanti: Praet e Ramirez da una parte, Parolo e Luis Alberto dall'altra non trovano lo specchio. Poi al 35′ Strakosha col piede destro è bravissimo a tenere viva la Lazio su un destro di Zapata da dentro l'area. Gli ospiti rispondono con una doppia conclusione sugli sviluppi di un angolo: prima Viviano deve superarsi su un gran destro di Immobile, poi Bereszynski salva sulla linea il successivo tiro-cross di Luis Alberto.
ILLUSIONE ZAPATA, FESTA LAZIO - Nella ripresa è sempre l'undici ospite a rendersi pericoloso con un palo colpito da Parolo, ma pochi minuti più tardi sul fronte opposto Zapata raccoglie una sponda di Quagliarella e a tu per tu con Strakosha non sbaglia. I biancocelesti ci mettono qualche minuto a riprendersi dal gol subito e 3′ dopo la rete rischiano addirittura il raddoppio con un'azione fotocopia: sponda di Quagliarella per Barreto che scambia nuovamente con l'ex Toro prima di calciare sul fondo. Il ritmo è vivace, alla mezz'ora inizia il walzer dei cambi e quello di Inzaghi si rivelerà vincente, perché Caicedo prende il posto di Lucas Leiva e il giocatore proveniente dall'Ecuador lo ringrazia firmando in pieno recupero il gol del 2-1 dopo che al 35′ Milinkovic-Savic aveva trovato il pareggio raccogliendo un pallone vagante in area in seguito a una punizione. C'è lo zampino del serbo, bravo a smarcare il compagno con un colpo millimetrico, sul gol vittoria laziale.
SAMPDORIA-LAZIO 1-2 (0-0)

SAMPDORIA (4-3-1-2): Viviano; Bereszynski, Silvestre, Ferrari, Murru; Barreto, Torreira, Praet (39′ st Verre); Ramirez (32′ st Alvarez); Quagliarella (25′ st Kownacki), Zapata. A disposizione: Puggioni, Tozzo, Andersen, Sala, Dodò, Regini, Capezzi, Djuricic, Caprari. Allenatore: Giampaolo.

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Bastos (17′ st Patric), de Vrij, Radu; Marusic, Parolo, Leiva (30′ st Caicedo), Milinkovic, Lulic (30′ st Lukaku); Luis Alberto, Immobile. A disp. Vargic, Guerrieri, Luiz Felipe, Basta, Murgia, Neto, Palombi. Allenatore: Inzaghi.

ARBITRO: Mazzoleni di Bergamo.

MARCATORI: 11′ st Zapata (S), 34′ st Milinkovic (L), 46′ st Caicedo (L).

NOTE: Ammoniti: Immobile (L). Angoli: 6-5 per la Lazio. Recupero: pt 0′, st 4′.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Декабрь 2017    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031