Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Torino, Mihajlovic aspetta Belotti e Niang: ''Quando torneranno ai loro livelli la nostra stagione cambier?''

Torino, Mihajlovic aspetta Belotti e Niang: ''Quando torneranno ai loro livelli la nostra stagione cambier?''
Sinisa Mihajlovic (agf)
TORINO - C'è una sola squadra che il Torino, nell'era di Urbano Cairo, non ha mai sconfitto. E' il Milan cui i granata domani vanno a fare visita a San Siro; e lo fanno in un momento tutt'altro che felice visto che rispetto alla scorsa stagione, il Toro oggi ha quattro punti e undici gol segnati in meno. Nonostante tutto, però, Sinisa Mihajlovic vede il bicchiere mezzo pieno: "Il nostro obiettivo stagionale è raggiungere un posto in Europa League e in classifica siamo lì: se vinciamo domani a San Siro siamo settimi. Certo, potevamo fare di più: abbiamo perso punti e l'entusiasmo iniziale, ma lo faremo tornare, ne sono sicuro. Soltanto la Samp fra le nostre dirette concorrenti sta andando oltre le aspettative; e non credo che la Samp sia più forte del Toro".
Lo sguardo passa poi al Milan "Una squadra che ha gli uomini per metterci in difficoltà ma che è partita per lottare per obiettivi diversi rispetto ai nostri. Però non è mia abitudine guardare in casa d'altri".
In settimana, Cairo ha dettato la propria ricetta: "Voglio vedere un Toro garibaldino che ripeta quanto ha fatto tre settimane fa contro l'Inter". Mihajlovic è d'accordo con la linea presidenziale: "Tutti vogliamo rivedere quel Toro, ma bisogna sempre giocare così: ci serve continuità, non basta una buona partita a Milano - spiega il tecnico granata che poi entra nello specifico -. Dobbiamo essere più concreti davanti: Belotti finora è solo a tre gol, Niang non ha ancora fatto la differenza. Quando torneranno ai loro livelli la nostra stagione cambierà; e loro torneranno ai loro livelli, perché mi fido di loro". L'ultimo pensiero è rivolto a Montella: "E' un amico e mi spiace che stia vivendo un momento difficile: abbiamo giocato assieme alla Samp, lui era un ragazzino ma era già un grande giocatore; e io l'ho anche fatto segnare di testa. Spero esca da questa situazione, ma dalla prossima settimana...".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Сентябрь 2019    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30