Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Serie C: Livorno si salva a Monza. Padova e Lecce confermano il primato

ROMA E un fine settimana nel segno delle conferme al vertice per la Serie C, che ha mandato in scena la giornata numero 14. Livorno, Padova e Lecce escono indenni da tre insidiose trasferte e consolidano così la loro leadership nei rispettivi gironi nella 14esima giornata, che chiude il ricco cartellone di gare con il posticipo televisivo di lunedì sera fra Santarcangelo e Vicenza (gruppo B).
LIVORNO RALLENTA A MONZA, SIENA CEDE IN CASA COL PONTEDERA Rallenta appena il carro armato Livorno, che torna da Monza con un sofferto pari, acciuffato al 78′ dal solito Vantaggiato dopo il vantaggio brianzolo di Cogliati all11. Ma gli imbattuti labronici, con 10 vittorie e 3 pari, miglior attacco e migliore difesa del girone A, pur mancando la sesta vittoria consecutiva restano saldamente in vetta a 33 punti e addirittura vedono aumentare a +6 (potenzialmente a +9 avendo una partita in meno) il vantaggio sulla Robur Siena. I bianconeri di Mignani non si sono ancora ripresi dalla sconfitta nel derby: in casa col Pontedera vanno sotto tre volte, le prime due riescono a recuperare ma puntualmente subisce il nuovo sorpasso nellarco di pochi minuti: dopo il 2-2 senese di Cristiani al 93′ il decisivo 3-2 per il Pontedera lo segna Mastrilli al 95′ infliggendo così la terza sconfitta casalinga consecutiva alla Robur (0-3 col Monza e 1-2 col Livorno le altre) che vede allontanarsi la vetta.
PISA TERZO, ALTRO KO PER LALESSANDRIA Al terzo posto a 25 cè il Pisa, che dopo la fantastica rimonta sul terreno della Carrarese viene stoppato sullo 0-0 allArena Garibaldi dalla Giana Erminio. Riposo per lOlbia, una rete a testa tra Piacenza e Carrarese (ancora Tavano a segno). A Prato lArzachena soffre di vertigini: va avanti 2-0 nel primo tempo (quinto posto virtuale) ma nella ripresa subisce il ritorno dei lanieri per il 2-2 finale. Sarebbe stata la terza vittoria di fila per i sardi, comunque in zona play off. Pari (1-1) anche tra Viterbese (3 punti nelle ultime cinque partite) e Pistoiese. Cade ancora lAlessandria dopo lo sfavillante quanto illusorio poker inflitto allOlbia: 2-1 per la Lucchese al Porta Elisa (Fanucchi e Maini lanciano i rossoneri, ai grigi non basta Fischnaller), che agguanta un gruppetto a 20 punti. Segna Moscardelli ma allArezzo non basta e nella ripresa la Pro Piacenza si prende con Belfasti un punticino utile in chiave salvezza.
CUNEO IN 10 RIACCIUFFA GAVORRANO Spreca tutto il Gavorrano, che aveva bisogno di punti come laria per tirarsi fuori dalle secche dellultimo posto. Nello scontro diretto sul campo del Cuneo va subito in vantaggio con Conti su rigore (nelloccasione espulso il difensore biancorosso Conrotto) e il suo portiere Salvalaggio in apertura di ripresa para anche un rigore, ma all81 i padroni di casa impattano con Pellini cogliendo un punto insperato dopo unintera partita giocata in inferiorità numerica.

Girone A, 14/a giornata: Arezzo-Pro Piacenza 1-1, Cuneo-Gavorrano 1-1, Lucchese-Alessandria 2-1, Monza-Livorno 1-1, Piacenza-Carrarese 1-1, Pisa-Giana Erminio 0-0, Prato-Arzachena 2-2, Robur Siena-Pontedera 2-3, Viterbese-Pistoiese 1-1. Riposava: Olbia.

Classifica: Livorno 33 punti; Robur Siena 27; Pisa 25; Olbia 23; Viterbese 21; Arzachena, Carrarese, Lucchese e Monza 20; Piacenza 18; Pistoiese e Arezzo 16; Pontedera 15; Giana Erminio 14; Cuneo 13; Alessandria 12; Pro Piacenza 11; Prato 8; Gavorrano 7.
PADOVA PASSA A PORDENONE, RENATE STENDE IL MESTRE Nel girone B si è giocata la prima giornata dopo lesclusione del Modena. Il Padova di Bisoli mantiene il primato espugnando il difficile campo di Pordenone: risolve Pulzetti (poi espulso) dopo il botta e risposta tra Belingheri e Ciurria. Esame di maturità superato dunque per i bianco scudati, ora a 26 punti, seguiti in scia dal Renate di Cevoli: le pantere si impongono 2-1 a Mestre (le reti tutte nel primo tempo, doppietta di Gomez, poi accorcia Spagnoli) e restano seconde allungando la striscia di risultati utili che dura dal 10 settembre. I ramarri friulani invece sono in crisi: non vincono da un mese e sono reduci da tre sconfitte consecutive.
ALBINOLEFFE AL 3 POSTO, SALGONO SALO E SAMB CON CAPUANO Restano terzi a 21 punti ma con due partite in più dellAlbinoleffe, che prosegue nel suo ottimo momento di forma. Dopo la sconfitta dell1 ottobre a Bassano i seriani hanno inanellato tre vittorie e tre pari. Lultimo successo arriva con un comodo 2-0 ai danni del fanalino di coda Fano (Colombini e Mondonico). Dopo la burrasca di Modena e le frizioni con i suoi ex giocatori Ezio Capuano inizia nel migliore dei modi la sua avventura sulla panchina della Sambenedettese, dove sostituisce lesonerato Moriero: violato 2-1 il Benelli di Ravenna grazie alla decisiva autorete di Maistrello, dopo il botta e risposta iniziale fra Patti e Broso (rigore) per i romagnoli. A quota 20 si porta anche la Feralpisalò che sbanca il Mercante di Bassano del Grappa mettendo la freccia nella ripresa con Ferretti e Staiti a ribaltare il vantaggio di Laurenti per i giallorossi veneti, al quarto ko di fila (la vittoria manca dal 4 ottobre).
REGGIANA A PUNTO IN ALTO ADIGE, GUBBIO SBANCA TERAMO Finisce 1-1 tra Sudtirol e Reggiana (Costantino e autogol Sgarbi), mentre il Gubbio di Pagliari piazza un colpo pesante a Teramo in ottica salvezza rimontando con Kalombo e Marchi il penalty realizzato da Foggia per gli abruzzesi.

Girone B, 14/a giornata: Albinoleffe-Fano 2-0, Bassano-Feralpisalò 1-2, Mestre-Renate 1-2, Pordenone-Padova 1-2, Ravenna-Sambenedettese 1-2, Sudtirol-Reggiana 1-1, Teramo-Gubbio 1-2, Santarcangelo-Vicenza (lunedì 13 ore 20.30). Riposavano: Triestina e Fermana.

Classifica: Padova 26 punti; Renate 25; Albinoleffe e Pordenone 21; Feralpisalò e Sambenedettese 20; Bassano e Triestina 18; Fermana, Mestre e Südtirol 17; Vicenza 16; Gubbio e Teramo 14; Reggiana 13; Ravenna 10; Santarcangelo 7; Fano 6. Modena escluso dal campionato
TRIS LECCE AL SIRACUSA, CATANIA PIEGA CATANZARO Nel girone C il Lecce manda un chiaro messaggio alle rivali per la promozione sbarazzandosi con irrisoria facilità (3-1) del Siracusa, pur sempre la quarta forza del campionato. Al De Simone i salentini di Liverani dopo unora sono avanti già 3-0: apre Armellino al 15′ risolvendo un batti e ribatti in area, al 24′ verticalizzazione di Tsonev che taglia in due la difesa aretusea e 2-0 di Di Piazza dopo un dribbling sul portiere Tomei e al 64′ il bulgaro si ripete con una splendida palombella da posizione defilata che si infila sotto il sette. Inutile l1-3 di Catania, giallorossi a 33 punti. Il Catania di Cristiano Lucarelli però tiene botta: al Massimino Caccetta risolve col Catanzaro, i punti in classifica sono 28, a -5 dal Lecce.
TRAPANI RAGGIUNTO A MATERA DAL 3-0, ANDRIA ESONERA LOSETO Il Trapani invece concede il bis, ma in negativo: altra rimonta subita da 3-0 a 3-3. Dopo il Catanzaro, limpresa riesce al Matera. I granata piazzano un tris in 34′ con i colpi di testa di Silvestri, Maracchi ed Evacuo ma già prima dellintervallo il Matera accorcia con unaltra incornata, di Urso, e un rigore di Giovinco nel recupero. Nella ripresa la squadra di Gaetano Auteri pareggia al 94′ con un altro rigore di Giovinco (espulso subito dopo Maracchi) beffando la squadra di Calori, che va a 25 punti mentre i lucani restano in zona play off a 18. Bene il Rende che si rialza dopo il poker subito dal Trapani e si impone di misura a Monopoli nello scontro diretto. Con un altro 1-0 alla Juve Stabia il Cosenza si allontana dalla zona calda e si avvicina al decimo posto. Tra Andria e Bisceglie uno 0-0 che serve più ai nerazzurri stellati: i federiciani esonerano il tecnico Loseto.
IN CODA VITTORIE PESANTI PER FONDI E CASERTANA Momento doro per il Fondi dopo un inizio davvero complicato. Nello scontro diretto con la Sicula Leonzio vittoria 2-1 in rimonta, è la terza (con due pareggi) negli ultimi cinque turni: agganciata la zona salvezza a 13 punti, alla pari proprio con i bianconeri. Dopo due mesi la Casertana torna a vincere (3-0) nel derby salvezza con la Paganese. Ennesima sconfitta per lAkragas, la quinta consecutiva e la nona complessiva: 2-0 sul campo della Virtus Francavilla e ultima piazza solitaria.

Girone C, 14/a giornata: Casertana-Paganese 3-0, Cosenza-Juve Stabia 1-0, Fidelis Andria-Bisceglie 0-0, Matera-Trapani 3-3, Monopoli-Rende 0-1, Racing Fondi-Sicula Leonzio 2-1, Siracusa-Lecce 1-3, Virtus Francavilla-Akragas 2-0, Catania-Catanzaro 1-0. Riposava: Reggina.

Classifica: Lecce 33 punti; Catania 28; Trapani 25; Siracusa 23; Monopoli e Virtus Francavilla 22; Rende 20; Matera(-1) 18; Juve Stabia e Reggina 17; Bisceglie 16; Catanzaro* e Cosenza 15; Racing Fondi e Sicula Leonzio* 13; Casertana 12; Fidelis Andria e Paganese 10; Akragas 9. * = 1 partita in meno
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«     2017    »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930