Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Spagna, la crisi del Real Madrid. Ronaldo e Zidane: "Ci rialzeremo"

MADRID – Non è crisi, ma due sconfitte consecutive nel giro di pochissimi giorni fanno rumore. Il ko in Champions contro il Tottenham che ha fatto seguito a quello di Girona, in Catalogna, con cinque gol subiti e appena due realizzati hanno sollevato qualche critica sulla squadra di Zinedine Zidane. “Non siamo in crisi – tranquillizza il tecnico -, forse ci manca un po’ di tranquillità nel fare i gol finalizzando quello che costruiamo. Sono sicuro che invertiremo la tendenza, anche se al momento siamo delusi”.
RONALDO NON FA DRAMMI – “Non si può essere sempre al meglio – le parole di Cristiano Ronaldo, uomo simbolo delle merengues -, ci sono momenti positivi e qualche volta negativi, ma siamo sereni. Quello che conta è quello che succederà a fine stagione, non quello che succede adesso. Dobbiamo restare tranquilli. Stiamo attraversando un momento negativo, ma dobbiamo accettarlo e continuare a lavorare. Possiamo perdere tre, quattro, cinque partite ma non credo che siamo in crisi. Vogliamo cambiare le cose. Non ci nascondiamo, lavoreremo per invertire la tendenza”.
RAMOS TRANQUILLIZZA TUTTI – Anche il capitano Sergio Ramos tranquillizza i tifosi. “Il risultato è ingannevole. Senza togliere alcun merito al Tottenham, capiamo che può creare pessimismo, ma il Real Madrid si rialzerà e metterà al loro posto tutti quelli che ora ci danno per morti. La mia esperienza di tanti anni mi dice che dobbiamo rimanere più che mai calmi e concentrati, siamo ancora vivi nella nostra competizione preferita, la Champions. Colpevoli? Nessuno deve essere additato, tutti cerchiamo sempre di dare il massimo”.
MAI COSÌ MALE DAL 2012 – Intanto adesso gli uomini di Zidane saranno chiamati a una vera impresa in Liga. Dopo 10 giornate il Real ha appena 20 punti, con un ritardo di 8 lunghezze dal Barcellona capolista e, mai nessuna squadra in Spagna è riuscita a colmare un gap così alto. I blancos non andavano così male dal 2012, dall’ultima stagione di Josè Mourinho, quell’anno arrivarono secondi a 15 punti di distanza dal Barça.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Май 2018    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031