Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Fidanzati uccisi a Lecce, il legale di De Marco: "Presto riuscira a dire i motivi della rabbia omicida". Incontro con i genitori

Potrebbe essere imminente la svolta per risalire al movente del duplice omicidio di Eleonora Manta e Daniele De Santis uccisi il 21 settembre scorso nel condominio di via Montello. Antonio De Marco, l'omicida reo confesso, detenuto nel carcere di borgo San Nicola dal 28 settembre, sta iniziando ad aprire la scatola dei suoi ricordi rimasta chiusa per giorni.
[url=http://]
Cronaca


Fidanzati uccisi a Lecce, il killer ai pm: "Arrabbiato perche respinto da due ragazze"[/url]


"Siamo fiduciosi che i nostri inviti e quelli dei suoi familiari stiano sortendo i primi effetti e credo che si possa arrivare ad avere qualche motivazione in più sul perché di tanta rabbia", commenta uno degli avvocati del ragazzo, Andrea Starace, che sabato 10 ottobre ha avuto un colloquio con il ragazzo insieme al collega Giovanni Bellisario.
Dall'aggressione alla cattura dell'assassino: videoricostruzione del duplice omicidio di Lecce
Fidanzati uccisi a Lecce, il legale di De Marco: "Presto riuscira a dire i motivi della rabbia omicida". Incontro con i genitori

in riproduzione....
Condividi
Un colloquio giudicato importante, durato circa 40 minuti in cui sono stati evidenziati significativi passi in avanti nella ricerca degli ingredienti che hanno alimentato tanta cieca rabbia in un aspirante infermiere dalla vita apparentemente inappuntabile. In questi giorni di isolamento all'interno di una cella della sezione C-1, De Marco ha avuto modo di scavare nel proprio subconscio per risalire a un qualcosa che possa averlo infastidito in modo così traumatico da fargli compiere un gesto così plateale. Un movente legato alla convivenza con i due ragazzi per alcuni mesi nello stesso appartamento o riconducibile a un'esperienza di vita che può averlo turbato facendogli covato tanta rabbia poi sfogata su due persone a lui vicine?
[url=http://]
Cronaca


Omicidio di Lecce, De Marco ando dallo psicologo: "Avevo crisi di pianto, ma ho fatto solo una seduta"[/url]


di FRANCESCO OLIVA
Una questione ancora aperta su cui De Marco potrebbe fornire dettagli più chiari a breve. Nella sua mente i "non so" e le risposte a monosillabi nella ricostruzione del movente rilasciate davanti al gip nel corso dell'interrogatorio sembrerebbero lentamente lasciare spazio a una ricostruzione più lucida. Svolta vicina, dunque in attesa di conoscere se la chiave del duplice omicidio possa emergere dalla memoria del pc del ragazzo prima ancora che nei suoi ricordi finora annebbiati. A breve, infatti, saranno depositati gli accertamenti sul computer dell'omicida. "Non so se qualche indizio fondamentale possa essere contenuto nel pc - ha voluto precisare il suo avvocato - ma di certo in questa vicenda dovremo valutare anche le condizioni di salute psicofisiche del nostro assistito".
[url=http://]
Cronaca


De Marco: "Meditavo l'omicidio di Eleonora e Daniele da agosto. Ho anche pensato di uccidermi"[/url]


di FRANCESCO OLIVA
A breve, infatti, la difesa dovrebbe avanzare richiesta di perizia psichiatrica non appena gli avvocati avranno a disposizione l'intero carteggio a corredo dell'ordinanza del fermo. "È un'opportunità - è il commento dell'avvocato Starace - Ovviamente ne abbiamo parlato con il ragazzo e siamo in attesa di avere un confronto con i nostri consulenti".
Intanto, sempre sabato 10, De Marco ha incontrato per la prima volta i genitori. Un primo faccia a faccia per guardarsi negli occhi dopo che la madre ha cercato un primo contatto con i familiari delle vittime inviando una lettera per chiedere scusa e rinnovare il proprio amore per il figlio detenuto.
[url=http://]
Cronaca


Omicidio di Lecce, la madre dell'assassino scrive alle famiglie di Eleonora e Daniele: "Vi chiedo scusa"[/url]


di FRANCESCO OLIVA
Taciturno e dimagrito, con il tempo, il ragazzo sta metabolizzando la gravità della sua azione. Si trova ancora in isolamento in attesa di essere collocato in una cella con altri detenuti. Non ha la televisione e trascorre la gran parte del tempo dedicandosi alla lettura, in particolare di libri di narrativa. In attesa che nella sua mente affiori quel qualcosa che possa consentire di fornire un movente a un duplice omicidio finora senza un perché.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Июль 2022    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031