Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Scuola, prima campanella in Puglia. Licei in classe dalle 7.30 ma alle elementari problemi di spazio e personale

Sui banchi del liceo scientifico Fermi - a rigorosa distanza di un metro da bocca a bocca - sono posizionati la targhetta col nome dello studente, il badge personalizzato, un'agendina della scuola e una penna che funziona anche come spray disinfettante. È l'omaggio di benvenuto per i ragazzi che conosceranno o ritroveranno la scuola questa mattina. I primi fortunati a Bari taglieranno il nastro del nuovo anno scolastico 2020/2021 poco dopo le sette e trenta del mattino. Allo Scacchi e al Marco Polo va la medaglia delle scuole più mattiniere: nell'istituto di Poggiofranco - che aspetta ancora 18 docenti - la misurazione della temperatura è prevista a campione. I gruppi scaglionati si alterneranno fino a mezzogiorno, e in verità anche nei prossimi giorni, visto che gli inserimenti non termineranno prima di martedì 29 e l'orario ridotto rischia di proseguire per buona parte di ottobre.
Le voci più preoccupate sono quelle dei genitori dei comprensivi con infanzia, elementari e medie, che seguono con apprensione l'evoluzione degli orari in attesa dei supplenti. Le storiche scuole Balilla Imbriani di Madonnella avvertono che per il protrarsi dei lavori e per l'assenza del personale alla media si parte con appena tre ore di lezione per i primi giorni. Dall'Aristide Gabelli (nove plessi a Santo Spirito) fanno sapere che in attesa dell'organico aggiuntivo Covid le sezioni monorganico della scuola dell'infanzia frequenteranno a gruppi alterni, e anche la scuola secondaria farà orario ridotto. In affanno i plessi del centro città, che fanno fatica a dividere materialmente gli ingressi, costringendo le famiglie a un enorme sforzo di pazienza e organizzazione.
Quasi 200mila tra banchi e sedute innovative promessi dal ministero non sono ancora arrivati: poche le situazioni fortunate come quella della media di Japigia Amedeo d'Aosta, dove una precedente fornitura di arredi e le aule sufficientemente spaziose hanno evitato grandi correttivi. Negli scorsi giorni la mobilitazione delle famiglie della scuola Anna Frank di Poggiofranco e Fraccacreta di Palese ha sollecitato le dirigenti affinché si trovino soluzioni alternative a quanto proposto dalle scuole. In entrambi i casi gli spazi non bastano ad accogliere tutti gli studenti, e dunque si ipotizza di comporre le 'classi trasversali'. Cinque bambini per ogni classe quinta, a turno e a rotazione, potrebbero confluire in un unico 'laboratorio quinta'. "Ma con le dovute distanze e seguiti dai loro docenti curriculari", assicura la dirigente della Zingarelli Manuela Baffari, che vuole trovare un accordo per scongiurare lo sciopero minacciato dai genitori.
Per nulla facile la situazione della Fraccacreta di Palese, che aspetta tre aule prefabbricate richieste ad agosto e - nonostante i tempestivi lavori del Comune - rischia di dovere mantenere nel primo mese gli alunni in sovrannumero in didattica a distanza. "Quando arriveranno i banchi e i prefabbricati, sospenderemo subito la turnazione", garantisce la preside, Rosanna Brucoli. Nel liceo classico Socrate mancano i collaboratori Covid, nel comprensivo Massari Galilei banchi e supplenti: nonostante le assenze, l'anno parte in presenza per tutti.
Grande è lo sforzo degli istituti per non impoverire l'offerta formativa: nel liceo artistico e coreutico De Nittis Pascali, per esempio, l'unità oraria è ridotta a 50 minuti, ma i laboratori per scultura, arte e danza non sono intaccati. Niente coreografie di gruppo, ovviamente, per le studentesse ballerine. Sul fronte lavori, la Città metropolitana elenca i cantieri completati: 18 chiusi, dieci ultimati entro il finesettimana, 37 in corso e 10 in fase di affidamento. In totale 75 cantieri in 25 Comuni del territorio metropolitano, e oltre 100 aule ottenute grazie a interventi di edilizia leggera. In fase istruttoria è invece l'avviso esplorativo per reperire immobili da adibire ad attività didattiche. A breve un nuovo bando per il noleggio di strutture temporanee.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Октябрь 2020    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031