Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Da Andria la sfida fashion delle mascherine: "Sono personalizzabili e diventano un capo alla moda"

L'idea è arrivata dopo una chiacchierata con l'amico di sempre nell'ultima settimana di aprile, con i colpi di coda della tempesta Covid da un lato e lo spiraglio del via alla Fase 2 dall'altro. "Avevo pensato di realizzare mascherine personalizzate sull'onda dell'esperienza di papà, serigrafo di professione, e di una stamperia digitale inaugurata insieme con altri due soci nel 2016".
Quell'idea è diventata un sito Internet, Mymasky.shop, e in una settimana Gianluca Leone, 29 anni, ex calciatore professionista che ha deciso di appendere le scarpette al chiodo - "non avevo più stimoli", dirà - è stato travolto dagli ordini. "Arrivano da ogni parte d'Italia per circa duemila pezzi al giorno", dice Antonio Santovito, 33 anni, con il quale quella chiacchierata di fine aprile è diventata una società, la Mybrand srl, con un catalogo di oltre un migliaio di stampe per mascherine in tessuto e una trentina di posti di lavoro in gioco. Compresi i fornitori e, più in generale, l'indotto.
"Non sono dispositivi di protezione individuale, ma mascherine destinate alla popolazione generale. Possono essere utilizzate come copri-mascherina chirurgica e sono diventati accessori che prima del Coronavirus non avremmo mai pensato di mettere nei nostri armadi", osserva Leone. Quella di Gianluca e Antonio è la storia di come l'emergenza sanitaria abbia solleticato la creatività di due giovani del Mezzogiorno disposti a unire le forze e mettere su un'impresa. Che ormai sforna centinaia di capi al giorno. "Sono tagliati a mano e stampati pezzo per pezzo nella stamperia digitale della quale ero già socio", annota Leone.
Andria è una delle culle del settore tessile e calzaturiero della Puglia. E della provincia Bat in particolare, considerato che gli altri due capoluoghi, Barletta e Trani, sono poli orientati al mercato delle calzature. Ed è proprio a un'esperienza nel comparto che si deve l'intuizione dell'ex calciatore. Le mascherine made in Andria sono in cotone (lo strato interno) e microfibra (all'esterno). "Naturalmente lavabili, ma la forza sta nella possibilità di personalizzarle per farne un capo alla moda". È quello l'obiettivo dei due trentenni andriesi: "Fare dello strato che ci copre il sorriso un capo alla moda"
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Июль 2020    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031