Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Molfetta, un voucher per rilanciare i piccoli negozi: chi spende 40 euro ha un buono di 20

Molfetta, un voucher per rilanciare i piccoli negozi: chi spende 40 euro ha un buono di 20
Il sindaco Tommaso Minervini presenta il voucher
Un voucher dopo il lockdown per rimettere in moto leconomia a Molfetta. Il meccanismo è semplice: il consumatore che dovesse spendere almeno 40 euro in uno dei negozi della città riceverà in omaggio un buono del valore di 20 euro per altri acquisti a Molfetta. A una condizione. Il buono potrà essere speso soltanto in un negozio di vicinato e non in un centro commerciale.
Liniziativa del sindaco, Tommaso Minervini, si chiama Facciamo i buoni e passerà dalla carta alla realtà a partire dalla seconda settimana di giugno: fino a sabato 6 cè tempo per mettere su la rete dei negozi che sceglieranno di aderire allavviso pubblico già online sul sito Internet del Comune. Gli stessi negozi avranno un adesivo ad hoc in vetrina e dovranno impegnarsi ad applicare uno sconto del 10 per cento sui prezzi in cartellino per la merce acquistata con i voucher dellente.
Sul piatto ci sono 50 mila euro di fondi comunali. Ovvero lequivalente di 2 mila 500 buoni da venti euro luno. Questo sistema è utilissimo a far girare leconomia e dare la liquidità necessaria ai protagonisti del commercio locale. Non si tratta soldi dati a fondo perduto, come una mancia. L'obiettivo è generare almeno 200 mila euro di acquisti in poche settimane, spiega il primo cittadino. Che aggiunge: Questo è un patto di alleanza fra cittadini e commercianti, e invito i molfettesi a fare spese in città. Il primo esperimento durerà fino al 31 luglio. Vediamo come va. Ma i buoni del Comune potranno essere consegnati anche a clienti in arrivo da altre città alle stesse condizioni. E potranno essere ceduti ad altre persone: Perché non sono nominativi e quindi potranno circolare in favore delle persone più bisognose. Per esempio, se so che il mio vicino di casa è in difficoltà, potrò cedergli i miei voucher, dicono da Palazzo di città.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«     2020    »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031