Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Mafia, i misteri del clan Acquasanta. Dal fallito attentato a Falcone al delitto Agostino

Fra i Cantieri navali e il bellissimo porticciolo dellAcquasanta, cè un vicolo in cui sono racchiusi molti dei misteri di Palermo. Vicolo Pipitone, si chiama. Già negli anni Settanta era il regno dei Galatolo e dei Fontana, imparentati fra di loro. Vecchia mafia palermitana che controllava i Cantieri e faceva grandi affari con il traffico internazionale di droga. Quando in Cosa nostra arrivò il nuovo signore, Salvatore Riina, i Galatolo e i Fontana gli offrono in dono vicolo Pipitone, una vera e propria roccaforte allinterno di Palermo: alla fine del budello, ci sono una palazzina e tutto attorno una grande area verde. Lì, iniziarono a ritrovarsi i killer più fidati del capo dei capi di Cosa nostra, incaricati di sterminare gli uomini migliori del Paese. Da vicolo Pipitone, partirono per uccidere il prefetto Carlo Alberto dalla Chiesa. Era il 3 settembre 1982. Da vicolo Pipitone partirono per trucidare il vicequestore Ninni Cassarà. Da vicolo Pipitone partirono i killer di Riina per tanti altri delitti eccellenti. E poi tornavano a festeggiare. I fratelli Galatolo e il loro nipote prediletto, Stefano Fontana (il padre dei rampolli arrestati stamattina), erano dei perfetti padroni di casa. Mafiosi a servizio del potente di turno.
Quando ancora non cera Riina, Stefano Fontana aveva subito raccolto lo sfogo del boss Rosario Riccobono, in quel momento lautorità più alta allAcquasanta, erano andato su tutte le furie per uno scippo fatto alla moglie. Fontana e gli zii Galatolo cercarono il responsabile, si chiamava Claudio Orlando, aveva 20 anni: lo strangolarono e poi il suo corpo fu buttato in mare.
In vicolo Pipitone, i Galatolo prepararono la bomba per il fallito attentato a Giovanni Falcone, nel 1989. E ancora un mistero come abbiano fatto a sapere che il giudice aveva organizzato una gita nella sua casa al mare con i colleghi svizzeri arriivati a Palermo per una rogatoria. Non sappiano neanche da chi era composto il commando di sicari, che comunque poi fuggì, lasciando la borsa carica di tritolo sulla scogliera. Il 1989 dei misteri. Il 21 giugno il fallito attentato allAddaura; il 6 agosto, lassassinio del poliziotto Nino Agostino e di sua moglie Ida, che era incinta.
Dellomicidio ha parlato uno degli ultimi pentiti di mafia, Vito Galatolo, che è imparentato con Stefano Fontana: In carcere, mio cugino mi disse che la moglie aveva riconosciuto uno dei sicari, Gaetano Scotto, mi disse pure che la donna era conoscenza dei segreti del marito. Agostino, ufficialmente solo un agente del commissariato San Lorenzo, avrebbe svolto unattività sotto copertura per la ricerca dei latitanti. E nellambito di questa attività avrebbe anche avuto fonti riservate allinterno di vicolo Pipitone. Ma qualcuno, probabilmente, lo tradì. E materia dellultima indagine della procura generale di Palermo, che è tornata a indagare dentro i misteri dellAcquasanta. Stefano Fontana è però morto, nel 2013. Chissà se ha tramandato i segreti di famiglia ai suoi eredi.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«     2020    »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930