Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Emiliano: "In Puglia estetisti e parrucchieri al via il 18 comunque". Il ministro: "L'ordinanza andra rifatta"

Anche senza le linee guida dell'Inail, "il 18 maggio noi apriamo lo stesso parrucchieri, estetisti e saloni di bellezza perché abbiamo fatto le linee guida regionali che ci paiono più che sufficienti". Lo ha annunciato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, su Sky Tg24. "Se arrivano le linee guida Inail le applicheremo - ha spiegato - se non arrivano noi apriamo lo stesso". In Puglia, ha evidenziato, si andrà "dal barbiere come se si dovesse entrare in un reparto di rianimazione. Non perderemo certo tempo perché l'Inail è in ritardo".

rep


[url=http://]
Approfondimento


Le regioni a contagio zero pronte a riaprire: "Bar, ristoranti e parrucchieri al via dal 18"[/url]


di PAOLO G. BRERA e ALESSANDRA ZINITI
Per stabilire se riaprire o meno alcune attività commerciali, il valore "R0" analizzato da solo "è un parametro insensato", ha proseguito Emiliano. "Questo R0 è una minaccia per certi versi - ha detto - perché l'indice R0 della Puglia e del Molise è il peggiore di tutti, perché siccome noi abbiamo pochissimi contagiati basta che un giorno aumenti di una o due unità e R0 salta in aria. Se io ho un positivo martedì e ne ho due mercoledì il mio R0 salta alle stelle. Quindi è un parametro insensato". E ancora: "Per stabilire se riaprire o non riaprire bisogna, come succede alla Puglia, avere il quadro complessivo della situazione".

rep


[url=http://]
Locali


Coronavirus, la mappa dei contagi a Bari: focolai in rsa a Carrassi e San Girolamo, numeri bassi in centro [/url]


di GABRIELLA DE MATTEIS
Il presidente ha parlato anche della questione tamponi: la Puglia è l'ultima fra le regioni italiane nel rapporto fra tamponi eseguiti e popolazione. "Anziché interessarsi sui temi delle singole aperture, il governo avrebbe fatto bene a dirci quanti tamponi in proporzione al ciclo economico e alla popolazione è necessario fare per giorno. In questo modo noi sapremmo quante macchine e quanti reagenti comprare".

rep


[url=http://]
Approfondimento


Ora tocca all'Alto Adige. Tra Stato e Regioni inizia la stagione dei ricorsi[/url]


di EMANUELE LAURIA
E poi: "Mentre noi stiamo perdendo un sacco di tempo facendo cinquanta manuali su come si gestisce in sicurezza una pizzeria o un parrucchiere, l'Istituto superiore di sanità e il gruppo tecnico dovrebbero individuare quanti tamponi in media ogni giorno si dovrebbero fare, visto che i tamponi non sono più solo un mezzo di diagnosi ma sono un mezzo di verifica della salute sui luoghi di lavoro. Diversamente ci facciamo concorrenza fra di noi, in un mercato scarso dove i reagenti sono pochi le aziende ci stanno facendo neri giocando al rialzo sui prezzi delle macchine e dei reagenti".

rep


[url=http://]
Approfondimento


Alto Adige e Friuli riaprono subito. L'ira del governo: li bloccheremo[/url]


di ALESSANDRA ZINITI
"I tamponi - ha continuato Emiliano - non possono essere fatti random. Sono come le intercettazioni per i magistrati, si fanno in modo mirato: non è che uno prende l'elenco telefonico e fa le intercettazioni a chi capita. Raccontare questa storia che fa la fortuna di chi vende reagenti e macchine - ha concluso - è una buffonata".
Intanto il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia ha confermato al presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, che lunedì sarà convocato il confronto con i presidenti di Regione con la partecipazione del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e del Ministro della Salute, Roberto Speranza, per l'avvio delle procedure relative alle riaperture differenziate su base territoriale dal 18 maggio, come già anticipato dal governo e più volte confermato. "Comprendo perfettamente - ha dichiarato il ministro Boccia - l'esigenza delle Regioni di avere un quadro che consenta loro di avviare le riaperture differenziate e condivido la loro esigenza di averlo in tempi brevi. A tale proposito, ringrazio i presidenti per il senso di responsabilità e per la condivisione con il governo dell'esigenza di avere linee guida nazionali elaborate dal comitato scientifico su proposta Inail, sulla cui base eventuali ordinanze regionali, emesse prima delle nuove misure, dovranno essere riformulate, a tutela della salute pubblica e della sicurezza sul lavoro. Tuttavia, è utile già discutere con le Regioni le modalità di apertura o restrizione delle attività legate all'andamento dell'epidemia secondo il monitoraggio avviato dal ministro della Salute".
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Июнь 2020    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930